Cronaca

Maltrattamenti all'asilo, scontro Latrofa-Chiofalo: "Retta da pagare per i genitori dei bambini picchiati"

E' quanto denuncia il consigliere comunale di Ncd che aveva presentato un question time per approfondire ulteriormente la vicenda dell'asilo comunale pisano

Un duro scontro durante la seduta del Consiglio Comunale di giovedì 21 aprile tra il consigliere comunale Raffaele Latrofa (Ncd) e l'assessore all'Istruzione Marilù Chiofalo che ha risposto ad un question time a proposito dell'installazione delle telecamere nell'asilo finito nella bufera per i maltrattamenti subiti dai bambini. Latrofa chiedeva se eventualmente qualcuno della dirigenza scolastica e del Comune fosse a conoscenza dell'installazione delle telecamere da parte degli inquirenti, prima del 4 febbraio (data in cui è stata resa pubblica la vicenda). Chiofalo ha sottolineato che l'installazione delle telecamere non era stata resa nota in maniera esplicita dal maresciallo dei Carabinieri che aveva informato, prima del 4 febbraio, la dirigente dell'Ufficio Servizi Educativi Laura Nassi di indagini in corso nella struttura, pregando di mantenere il massimo riserbo. "Si precisa dunque - ha sottolineato Chiofalo - che la direzione non è stata ne' informata ne' coinvolta sull'installazione delle telecamere, che pertanto non è stata autorizzata dall'amministrazione comunale".

Secca la replica del consigliere Latrofa che ha ribadito l'importanza dell'installazione delle telecamere negli asili per salvaguardare i bambini, chiedendo anche un coinvolgimento delle minoranze negli incontri tra Comune, genitori e insegnanti. Latrofa ha messo anche sul piatto l'arrivo dei bollettini delle rette scolastiche ai genitori dei bambini, riguardo ai mesi di gennaio e febbraio, "proprio per quei mesi in cui i loro figli venivano picchiati. Non pensi che non sia tanto sensibile da parte vostra?".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maltrattamenti all'asilo, scontro Latrofa-Chiofalo: "Retta da pagare per i genitori dei bambini picchiati"

PisaToday è in caricamento