Mercoledì, 29 Settembre 2021
Cronaca

Università: studenti da tutto il mondo a Pisa per studiare la paleopatologia

Dodici studenti hanno affrontato la scuola estiva organizzata dall'Ateneo ed hanno acquisitio le competenze base per lo studio antropologico e paleopatologico di resti scheletrici umani antichi

Si è appena conclusa la 'Summer School in Osteoarchaeology and Paleopathology' dove 12 studenti provenienti da ogni parte del mondo, anche da California, Nuova Zelanda e Indonesia, hanno potuto confrontarsi insieme agli esperti dell'Ateneo pisano nell'analisi di antichi resti umani. I ragazzi hanno imparato le tecniche e procedure base per uno studio dei reperti tramite attività di laboratorio, eseguite presso il Laboratorio di Paleopatologia della Scuola Medica sotto la direzione e supervisione del professor Gino Fornaciari. Le operazioni sono state seguite dalle dottoresse Valentina Giuffra e Simona Minozzi.

Si tratta della seconda edizione della Summer School, che conferma il successo dello scorso anno con due sessioni attivate. Dura 3 settimane e si compone di lezioni frontali e tanta attività pratica. Si tratta di un modo per internazionalizzare il settore e la stessa Università di Pisa.

Gli studenti sono stati istruiti sulle procedure di pulizia, consolidamento, restauro, siglatura, inventario e schedatura dei resti scheletrici e dentari. Sono state affrontate le principali tematiche riguardanti lo studio antropologico dello scheletro umano, in particolare le metodologie per la determinazione del sesso e dell’età alla morte, l’osteometria, il rilevamento dei caratteri ereditari e del grado di sviluppo delle inserzioni muscolari.

Gli studenti hanno potuto anche visitare lo scavo archeologico di Badia Pozzeveri, dove si svolgeva contemporaneamente la Field School, organizzata in collaborazione tra l’Università di Pisa e l’Università dell’Ohio e co-diretta dal professor Fornaciari e dal professor Clark Spencer Larsen, e hanno potuto assistere al lavoro archeologico e al recupero dei resti umani antichi. Inoltre, sono state organizzate una visita alla Divisione di Radiologia dell’Università di Pisa, dove gli studenti hanno potuto assistere in diretta all’applicazione delle indagini radiologiche più moderne ai reperti ossei patologici, e una visita al Museo di Anatomia Umana 'Filippo Civinini', dove sono conservati preziosi reperti anatomici del '700 e dell'800.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Università: studenti da tutto il mondo a Pisa per studiare la paleopatologia

PisaToday è in caricamento