Legalità, etica, inclusione: la Scuola Sant’Anna vince il bando della Scuola nazionale dell’amministrazione

Il riconoscimento con il progetto 'Lei' per la prevenzione della corruzione e del malaffare nella Pubblica amministrazione

La prevenzione della corruzione e del malaffare nella Pubblica Amministrazione diventa ancora più incisiva grazie a 'Lei', acronimo delle prime tre parole del progetto 'Legalità, etica, inclusione: per un sistema efficiente e partecipato di prevenzione della corruzione nella Pubblica Amministrazione'. La Scuola Superiore Sant’Anna è risultata vincitrice della selezione promossa dalla Sna (Scuola nazionale dell’amministrazione), con il team composto da docenti e ricercatori dell’Istituto Dirpolis (Diritto, Politica, Sviluppo) e dell’Istituto di Management.  

 'Lei' è il progetto interdisciplinare che vede collaborare le Università italiane nella raccolta di idee per orientare il cambiamento delle amministrazioni pubbliche. Il coordinamento di questo progetto è affidato a Gaetana Morgante, docente di Diritto penale dell’Istituto Dirpolis (Diritto, Politica, Sviluppo) della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. “Ristabilire la fiducia tra amministrazione e cittadini - sottolinea - è uno degli obiettivi del nostro progetto. A seguito di una indagine empirica sul fenomeno della corruzione pubblica saranno elaborate e implementate policy innovative per la prevenzione del malaffare e per la promozione della partecipazione dei cittadini al cambiamento delle Pubbliche Amministrazioni”.

Al team di ricerca partecipano, per l'Istituto Dirpolis (Diritto, Politica, Sviluppo) Alberto Pirni, docente di Filosofia morale; Giuseppe Martinico, docente di Diritto pubblico comparato, Elena Vivaldi, ricercatrice di Diritto costituzionale. Francesco Testa e Anna Maria Murante, rispettivamente docente e ricercatrice di Economia e gestione delle imprese all'Istituto di Management si occupano dei profili legati all'adozione di pratiche di 'Sustainable public procurement' (acquisti sostenibili) e all'attivazione di processi di partecipazione nella definizione di efficaci strumenti di contrasto al malaffare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana: quasi 1900 nuovi casi e 44 decessi

  • Strutture sociosanitarie: focolai in tre centri del pisano

  • Positivo al Covid si barrica nella stanza dell'ospedale Cisanello

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Coronavirus in Toscana: 2.200 casi, 48 decessi

  • Coronavirus in Toscana, calano i nuovi positivi: sono 1972

Torna su
PisaToday è in caricamento