Cronaca Porta a Lucca

Scuola: stampante 3D fatta con pezzi riciclati al Fascetti di Pisa

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Una scommessa contro il tempo per costruire una stampante 3D a costo irrisorio con materiale riciclato. E' questa la sfida che si è posta un gruppo gli alunni dell'Ipsia Fascetti appartenenti agli indirizzi Ottico e Manutentori nel contesto del progetto 'Ri...stampiamo', decollato nel corso di quest'anno scolastico grazie all'iniziativa del Cnr di Pisa.

Dopo tante peripezie la presentazione ufficiale del prototipo è avvenuta mercoledì mattina nell'aula Magna dell'istituto, di fronte ad una platea di studenti particolarmente incuriositi. Presenti il prof. Vincenzo Palleschi promotore e coordinatore dell'iniziativa per il Cnr, il dirigente scolastico dell'Ipsia ing. Fortunato Nardelli e i professori Francesca Gaudino, Luciano Bartalini e Sabiano D'Asaro, che hanno curato la realizzazione del progetto con le rispettive classi.

Per il reperimento relativo a parti mobili ed elettriche gli alunni hanno rovistato i magazzini del Fascetti svuotando al contempo cantine e soffitte delle proprie case, alla ricerca di tutto quanto potesse essere prelevabile da scanner, pc e stampanti tradizionali.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola: stampante 3D fatta con pezzi riciclati al Fascetti di Pisa

PisaToday è in caricamento