Scuole: "Programmare la chiusura per organizzare al meglio la didattica a distanza"

La deputata del Pd Lucia Ciampi in Commissione Cultura: "Meglio dare il tempo di organizzarsi ad istituti e famiglie piuttosto che procedere verso stop improvvisi"

"Se la soluzione verso cui la curva dei contagi ci sta portando è quella della didattica a distanza allora conviene programmarla adesso per dare alle famiglie un adeguato preavviso e agli istituiti l'opportunità di organizzarsi in maniera ottimale". E' quanto dichiarato dalla deputata del Pd in Commissione Cultura, Lucia Ciampi.

Secondo la Ciampi "la didattica in presenza è indispensabile per la formazione e la crescita degli alunni e deve rappresentare l'obiettivo prioritario di ogni istituzione scolastica. L'attuale situazione della pandemia, con l'aumento esponenziale dei contagi e dei ricoveri, impone però oggi una riflessione attenta sul da farsi: è innegabile che negli istituti si stiano infatti verificando molti contagi. È giusto quindi chiedersi se sia preferibile una chiusura programmata e temporanea di tutte le scuole anche per dare alle famiglie, agli alunni ed ai docenti il tempo di potersi organizzare anche per definire al meglio la didattica online, invece di procedere verso stop improvvisi, parziali e poi difficilmente gestibili".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

  • Coronavirus in Toscana, oltre 1900 i nuovi contagi: calano i ricoveri

Torna su
PisaToday è in caricamento