rotate-mobile
Cronaca

Sedi fatiscenti e niente ricambio generazionale: "Non lasciate morire il Palio di San Ranieri"

Sant'Antonio (Barca verde) e Santa Maria (Barca celeste) scrivono una lettera aperta alla politica per salvare l'attività sportiva e la tradizionale manifestazione

Le associazioni che gestiscono gli equipaggi del Palio di San Ranieri del quartiere di Sant'Antonio (Barca verde) e Santa Maria (Barca celeste), in una riunione congiunta, hanno deciso di portare a conoscenza della città e di tutti i candidati alle prossime elezioni amministrative la situazione in cui versa il Palio cittadino.

"Le condizioni in cui i nostri atleti sono costretti ad allenarsi - scrivono nella lettera aperta - non sono più sostenibili. Le 'basi nautiche' dei Quartieri sono baracche di lamiera pericolanti dove i furti delle (poche) attrezzature sono all'ordine del giorno. Le palestre e gli spogliatoi distano chilometri dal luogo in cui si svolgono gli allenamenti in acqua. L'attuale situazione non permette neppure di svolgere quell'attività giovanile che sarebbe invece indispensabile per il normale ricambio generazionale dei vogatori, o anche solo per avvicinare le nuove leve ad uno sport meraviglioso. D’altronde, se le strutture sono inadeguate, pericolanti e male attrezzate, oltre che prive di acqua e di luce, il risultato finale è scontato".

"Solo pochi giorni orsono - aggiungono - un'associazione si è trovata a chiedere 'vogatori in prestito', non avendone a disposizione un numero sufficiente. Tutti i quartieri faticano a completare i loro equipaggi per mancanza di ricambio generazionale, nonostante sforzi enormi ed altrettanti enormi sacrifici (anche economici) da parte di atleti, volontari, appassionati, che non hanno altro scopo se non quello di portare avanti, con fierezza, le tradizioni marinare cittadine". La considerazione conclusiva è che "il rischio attuale è la fine del Palio di San Ranieri".

Ecco quindi l'appello a quello che sarà il nuovo sindaco: "Invitiamo tutti gli attori politici, indipendentemente dal partito e dalle ideologie, a prendersi a cuore le sorti di tutte le associazioni remiere del territorio. Non lasciate morire il Palio di San Ranieri; sostenete il canottaggio pisano e le sue Regate Storiche, prima che scompaiano".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sedi fatiscenti e niente ricambio generazionale: "Non lasciate morire il Palio di San Ranieri"

PisaToday è in caricamento