Cronaca

Città in lutto per la morte di Sergio Esposito, combattente del Gioco del Ponte

Il sindaco Marco Filippeschi ha fatto visita alla camera ardente del 43enne ucciso da un malore nella sua casa

Sergio Esposito (foto da Facebook)

"Sergio Esposito ha dato a Pisa la sua grande passione e un carattere che faceva squadra, la sua vitalità generosa e l'energia di forte sportivo. Ha ricevuto tanta amicizia e tanti affetti da moltissimi amici ora messi a dura prova dalla sua scomparsa prematura. La città è vicina alla madre, alla sorella e al fratello e a tutti i suoi familiari. Un forte abbraccio ai suoi amici della Magistratura dei Dragoni, che lo ha visto a lungo fra i migliori combattenti, e a quelli dei Delfini. Sergio ci mancherà e continueremo anche in suo nome a far valere lo spirito di comunità, di amicizia e d'impegno che ci ha lasciato come un bellissimo esempio". E' questo il messaggio del sindaco Marco Filippeschi, Anziano Rettore del Gioco del Ponte, in memoria di Sergio Esposito, il 43enne combattente del Gioco del Ponte, trovato morto, ucciso da un malore, nella sua casa de La Vettola.
Il sindaco ha fatto visita alla camera ardente dove riposa Esposito, presso la Pubblica Assistenza, e ha espresso ai parenti e agli amici il cordoglio della città.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Città in lutto per la morte di Sergio Esposito, combattente del Gioco del Ponte

PisaToday è in caricamento