Via al servizio gratuito di consegna a domicilio per categorie fragili, persone in quarantena o Covid positive

Il Comune di Pisa ha istituto un numero verde dedicato: 800.086.540, attivo dalle ore 9 alle ore 20

E' stato attivato ieri a Pisa, 16 marzo, il servizio gratuito di consegna a domicilio della spesa (generi alimentari e di prima necessità) esclusivamente rivolto a tre categorie di persone che non possono ricevere supporto da parenti, amici, conoscenti: soggetti in condizione di fragilità come anziani, immunodepressi, persone con patologie gravi o croniche; soggetti posti in quarantena; soggetti Covid positivi. Per richiedere il servizio si deve contattare il numero verde 800.086.540 attivo dalle ore 9 alle ore 20. Le persone che si rivolgono a questo numero saranno ricontattate per fornire i dettagli dell’ordine che può comprendere solo medicine, cibo e beni di prima necessità.

"Sebbene alcune organizzazioni e commercianti locali abbiano istituito il servizio di consegna a domicilio rivolto a tutti i cittadini per agevolare la limitazione degli spostamenti in città e della frequentazione di supermercati e negozi - spiega il sindaco di Pisa Michele Conti - abbiamo deciso di istituire questo servizio di consegna a domicilio pensando alle categorie più fragili, agli anziani soli, a chi è in quarantena o risultato positivo. Lo abbiamo potuto fare grazie alla condivisione delle competenze all’interno del Centro operativo comunale, che continua a riunirsi quotidianamente, di cui fanno parte Protezione Civile, Azienda ospedaliero universitaria pisana, Azienda Usl Toscana nord ovest, Società della Salute zona pisana, Polizia Municipale, Cnr e associazioni di volontariato, Croce rossa italiana, Misericordia e Pubblica assistenza. Vorrei ringraziare tutti poiché in un momento di difficoltà come questo l'organizzazione delle istituzioni territoriali fa rete e funziona, dando risposte rapide ai cittadini. Un grazie particolare a tutti i volontari, forze straordinarie che danno un contributo fondamentale nell’affrontare l’emergenza che la nostra comunità si trova ad attraversare".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La spesa sarà effettuata secondo le disponibilità effettive delle merci da personale volontario e consegnata sul portone di casa. Non ci sarà passaggio di denaro contante: il costo della spesa è a carico dei cittadini senza oneri aggiuntivi per la consegna. Nel caso di persone in quarantena o Covid positive verrà rimborsato tramite bollettino che sarà inviato al destinatario da Sepi; nel caso di persone in condizione di fragilità tramite Pos o versamento all’associazione di volontariato incaricata del singolo servizio (Iban o conto corrente postale).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto nella notte a San Piero a Grado: muore 26enne

  • Ripartenza scuola e Coronavirus: mezza classe del liceo in quarantena a Pontedera

  • Cadavere di un anziano trovato in un fosso in zona La Fontina

  • Coronavirus in Toscana, 143 nuovi casi: 38 positivi in più a Pisa

  • Coronavirus: "Ho fatto il tampone, dopo 72 ore ancora non so il risultato"

  • Caso sospetto di Covid nel personale scolastico: chiuso asilo di Pontedera

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento