Via al servizio gratuito di consegna a domicilio per categorie fragili, persone in quarantena o Covid positive

Il Comune di Pisa ha istituto un numero verde dedicato: 800.086.540, attivo dalle ore 9 alle ore 20

E' stato attivato ieri a Pisa, 16 marzo, il servizio gratuito di consegna a domicilio della spesa (generi alimentari e di prima necessità) esclusivamente rivolto a tre categorie di persone che non possono ricevere supporto da parenti, amici, conoscenti: soggetti in condizione di fragilità come anziani, immunodepressi, persone con patologie gravi o croniche; soggetti posti in quarantena; soggetti Covid positivi. Per richiedere il servizio si deve contattare il numero verde 800.086.540 attivo dalle ore 9 alle ore 20. Le persone che si rivolgono a questo numero saranno ricontattate per fornire i dettagli dell’ordine che può comprendere solo medicine, cibo e beni di prima necessità.

"Sebbene alcune organizzazioni e commercianti locali abbiano istituito il servizio di consegna a domicilio rivolto a tutti i cittadini per agevolare la limitazione degli spostamenti in città e della frequentazione di supermercati e negozi - spiega il sindaco di Pisa Michele Conti - abbiamo deciso di istituire questo servizio di consegna a domicilio pensando alle categorie più fragili, agli anziani soli, a chi è in quarantena o risultato positivo. Lo abbiamo potuto fare grazie alla condivisione delle competenze all’interno del Centro operativo comunale, che continua a riunirsi quotidianamente, di cui fanno parte Protezione Civile, Azienda ospedaliero universitaria pisana, Azienda Usl Toscana nord ovest, Società della Salute zona pisana, Polizia Municipale, Cnr e associazioni di volontariato, Croce rossa italiana, Misericordia e Pubblica assistenza. Vorrei ringraziare tutti poiché in un momento di difficoltà come questo l'organizzazione delle istituzioni territoriali fa rete e funziona, dando risposte rapide ai cittadini. Un grazie particolare a tutti i volontari, forze straordinarie che danno un contributo fondamentale nell’affrontare l’emergenza che la nostra comunità si trova ad attraversare".

La spesa sarà effettuata secondo le disponibilità effettive delle merci da personale volontario e consegnata sul portone di casa. Non ci sarà passaggio di denaro contante: il costo della spesa è a carico dei cittadini senza oneri aggiuntivi per la consegna. Nel caso di persone in quarantena o Covid positive verrà rimborsato tramite bollettino che sarà inviato al destinatario da Sepi; nel caso di persone in condizione di fragilità tramite Pos o versamento all’associazione di volontariato incaricata del singolo servizio (Iban o conto corrente postale).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana: quasi 1900 nuovi casi e 44 decessi

  • Positivo al Covid si barrica nella stanza dell'ospedale Cisanello

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Coronavirus in Toscana: 2.200 casi, 48 decessi

  • Coronavirus in Toscana, calano i nuovi positivi: sono 1972

  • Coronavirus in Toscana, oltre 1900 i nuovi contagi: calano i ricoveri

Torna su
PisaToday è in caricamento