Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca

Sesta Porta: "La pazienza sta finendo"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday

Sta per terminare il mese di tempo accordato all'amministrazione dalla ASL.

Come ricorderete, lo sciopero del 10 Marzo era stato sospeso dalla Commissione di Garanzia perché sia il giorno 8 che il 18 marzo, erano già stati indetti due scioperi generali da alcune sigle "minori". Non rispettare questo richiamo da parte della Commissione avrebbe determinato sanzioni sia a carico delle sigle sindacali che dei lavoratori, purtroppo l'attuale normativa ha ridotto ai minimi termini l'esercizio del diritto di sciopero.

Avevamo pensato di indire comunque una assemblea per il giorno 10, ma sentiti gli uffici legali delle varie sigle sindacali non ci e' stata data una indicazione univoca tale da scongiurare eventuali sanzioni.

Quali erano e sono le nostre richieste?

Una sede diversa per la Polizia Municipale

La chiusura del sottopasso come accesso al parcheggio RFI

Un nuovo ed aggiornato documento di valutazione del rischio

Una soluzione per il parcheggio

La soluzione di tutte le problematiche più volte evidenziate (spogliatoi, Armerina, ascensori, cella di sicurezza) fino a quando non sarà indicata una diversa ubicazione della sede della Polizia Municipale

L'individuazione dei responsabili di questo inutile spreco di denaro pubblico

Ma invece che cosa è successo in queste settimane:

L'impegno assunto da qualche assessore di valutare sedi alternative è caduto nel vuoto, anzi nonostante i sopralluoghi delle Commissione e la verifica sul campo che ciò che da sempre denunciamo corrisponde a realtà, e che molte delle cose evidenziate sono insanabili, il consiglio Comunale, a maggioranza ha votato un ordine del giorno decidendo che la Sesta Porta è la sola sede per la PM.

Sono emerse documentazioni, e corrispondenza tra Segreteria Generale e Pisamo, dove chiaramente si evince che le criticità dell'edificio erano già note a tutti da oltre un anno e mezzo, che i controlli effettuati, al momento di presa in carico dei locali da parte dell'amministrazione, si sono limitati a controlli formali e non sostanziali, in poche parole nessuno ha vigilato e tutti sapevano che la Sesta Porta non era il luogo idoneo.

In questi giorni sono stati effettuati alcuni lavori (solo spogliatoi) ma sopratutto si stanno mettendo a "norma" i documenti da presentare ad ASL e VVFF.

Ma che cosa temiamo:

Che la Sesta Porta rimanga per sempre la sede della PM

Che il sottopasso di accesso al parcheggio RFI, non venga mai chiuso, nonostante esista già un accesso alternativo

Che l'amministrazione si limiti a fare solo interventi che la mettano al riparo da ulteriori sanzioni, senza intervenire sulle problematiche evidenziate.

Che non sarà trovata nessuna soluzione per il parcheggio dei dipendenti

Che nessuno farà luce sullo sperpero di denaro pubblico e sugli errori dell'intero complesso Sesta Porta.

VOGLIAMO UNA SEDE DIGNITOSA PER LA POLIZIA MUNICIPALE, VOGLIAMO LA SOLUZIONE DELLE PROBLEMATICHE ELENCATE.

PER RICORDARE AI NOSTRI AMMINISTRATORI CHE NOI STIAMO ASPETTANDO RISPOSTE, CONTINUEREMO CON LO STATO DI AGITAZIONE, INDICHEREMO UN ALTRA DATA PER LO SCIOPERO E SAREMO PRESENTI NEI PROSSIMI CONSIGLI COMUNALI

Rsu Comune di Pisa

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sesta Porta: "La pazienza sta finendo"

PisaToday è in caricamento