Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca Centro Storico / Via Cesare Battisti

Il Pisa Sporting Club interessato ai locali della Sesta Porta

I nerazzurri hanno avanzato un'offerta per portare la sede della società dove si trovano ora gli uffici comunali del Suap - Attività produttive. Il Sindacato generale di base: "Dipendenti trattati come pacchi postali"

I locali della Sesta Porta, in via Battisti

"I dipendenti e le dipendenti comunali sono l'ultima ruota del carro, trattati come pacchi postali, costretti ad abbandonare i loro uffici per compiacere l'amministrazione". E' quanto afferma il Sindacato generale di base in merito all'ipotesi di trasferimento degli uffici comunali del Suap - Attività produttive ospitati alla Sesta Porta, per far spazio alla sede dell'Ac Pisa 1909. "Da qualche settimana - spiega il sindacato - gira una voce persistente secondo la quale la società del Pisa calcio sarebbe interessata alle stanze dove si trovano gli uffici del Suap - Attività produttive, presso la Sesta Porta. Dopo il mancato acquisto di una porzione dell'edificio da parte dell'Istituto Nazionale di Vulcanologia, l'amministrazione Filippeschi ha fatto di tutto per riempirlo: un trasloco in fretta e furia dal palazzo ex Telecom di piazza Facchini, ristrutturato da pochi anni e messo in vendita senza esito; uffici comunali e la stessa Sepi trasferiti alla Sesta Porta in piena estate non badando a spese per il trasloco. Poi il trasferimento degli uffici delle Farmacie Spa, ma la Sesta Porta ha ancora locali vuoti da affittare".

"Ora veniamo a sapere - prosegue il Sindacato generale di base - che un ufficio comunale dovrebbe traslocare per ospitare la sede del Pisa calcio. Sono state richieste spiegazioni agli uffici e agli amministratori comunali senza esito alcuno. Le lavoratrici hanno intanto chiesto di spostarsi al 2° piano, attualmente vuoto, una soluzione ragionevole e praticabile senza difficoltà ma sembrerebbe (il condizionale è d'obbligo visto che l'amministrazione non fornisce risposte ufficiali) che la sede prescelta sia al piano terra, nei locali lasciati vuoti dalla tipografia Sepi. Ma i locali che ospitano una tipografia per ammissione di qualche dirigente non sono idonei ad ospitare uffici e qualora questa dovesse essere la soluzione finale non esiteremo a rivolgerci alla Asl per verificare la idoneità dei locali".

"C'è stato un interessamento - conferma l'assessore al Patrimonio, Andrea Serfogli - e un'offerta economica per la locazione fatta dalla società a Sviluppo Pisa (la società di scopo di Pisamo Srl, proprietaria degli immobili della Sesta Porta, ndr). Al momento la situazione è ancora in una fase molto preliminare. Se la trattativa dovesse andare avanti ci sarà comunque un confronto con i dipendenti comunali. Individueremo, tra quelli liberi, dei locali che per metratura e caratteristiche risultino idonei ad ospitare gli uffici. Al momento si tratta comunque ancora di un'ipotesi".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Pisa Sporting Club interessato ai locali della Sesta Porta

PisaToday è in caricamento