Cronaca

Arriva la settimana dedicata alla cultura dell’educazione

Dal convegno di Anci Toscana sulla scuola alla rassegna pedagogica passando per il festival dell’educazione al civismo: il programma dell'iniziativa

L’ingrediente essenziale del processo educativo sta nel grado di partecipazione e coerenza con cui l’intera comunità si prende cura dei propri bambini/e e ragazzi/e. Per questo il Comune di Pisa con la rete di 'Pisa-scuole' coordina una settimana dedicata alla cultura dell’educazione considerata nel suo insieme come legame tra i diversi attori che contribuiscono al funzionamento del sistema educativo e scolastico e alla sua capacità di innovazione. Chi ha responsabilità sia politiche che tecniche di amministrazione/di governo, chi insegna/educa, gli e le studenti, i genitori, gli adulti che non partecipano attivamente o non vivono il sistema educativo e scolastico ma contribuiscono a determinare le risorse necessarie al suo funzionamento.

“Un legame che spesso non è così saldo - ha sottolineato l’assessore Marilù Chiofalo - e che invece è fondamentale per creare contesti e meccanismi che favoriscano la continuità verticale (per età) nei processi educativi, centrando l’intervento sull’unicità della composizione dei talenti di ciascuno, e la continuità e coerenza orizzontale, cioè nei diversi luoghi educativi (famiglia, scuola, luoghi di educazione non formale e luoghi di cultura) pensando anche gli spazi di apprendimento in modo coerente e funzionale al progetto educativo. In questo senso, la comunità dovrebbe tutta essere coinvolta e attiva nel contribuire al successo educativo e formativo di ciascuno”.
Si inizia martedì 20 settembre alle 9.00 al Bastione Sangallo con il percorso formazione e ricerca di Anci Toscana e Istituto degli Innocenti. Un momento di incontro e confronto per costruire una consapevolezza nuova nel settore educazione.

Evento zero il 23 settembre  per  CIVIC - Festival del Civismo: un’intera  giornata con incontri, tavole rotonde e laboratori che animeranno vari luoghi della città (dalle sale universitarie al teatro Lux agli Arsenali Repubblicani). Il festival, organizzato dall’associazione Civic copromosso dal Comune di Pisa con il patrocinio della Regione Toscana ed il supporto e la collaborazione dell’Università di Pisa, è volto a promuovere e diffondere il senso profondo del vivere sociale e dell’educazione al civismo come risorsa per capire e comprendere la società.

“Il progetto ha come obiettivo lo sviluppo di politiche specifiche - ha dichiarato Laura Sirotti, ideatrice e coordinatrice scientifica del progetto - che si intrecciano con il protagonismo sociale, le attività educative e comunicative che interessano la cura e il decoro degli spazi pubblici, i doveri civici, l’accoglienza, la convivenza e la gentilezza”. In questa prima edizione si parlerà di sostenibilità, cittadinanza, diritti, Costituzione e politiche, anche di genere. Tra gli eventi la lectio magistralis di Valerio Onida e quella della vicepresidente del Senato Valeria Fedeli.

Per chiudere la settimana sabato 24 e domenica 25 settembre al Convento dei Cappuccini rassegna pedagogica 'Fare anima in educazione – La bellezza come visione e come pratica'. Due giornate per comprendere l’esperienza educativa in un’ottica di approccio sensoriale superando la logica della sorveglianza dell’altro in un rapporto gerarchico. “Alla base il rapporto con l’immagine, con la dimensione corporea e con le sensibilità - spiega Sara Costanzo, curatrice della rassegna - in una Pedagogia Immaginale che facilita e amplifica i contatti e ci aiuta ampliare le nostre relazione e la nostra percezione del mondo”. L’iniziativa è rivolta alla cittadinanza tutta ed è in particolare pensata per prendersi cura di chi 8 come genitori e insegnanti, si occupa di educazione.

La città sarà impegnata sul tema della cultura dell’educazione anche da ottobre a dicembre con il percorso di ricerca didattica e formazione 'L’insegnamento come relazione educativa'. La ricerca, progettata dalla rete di Istituti scolastici 'Pisa scuole' coordinata dal liceo Scientifico Dini (capofila l’Istituto Tongiorgi) e finanziata dal Comune di Pisa, coinvolgerà insegnanti dal nido alle scuole superiori mettendo al centro la relazione come ingrediente del successo dell’apprendimento.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Arriva la settimana dedicata alla cultura dell’educazione

PisaToday è in caricamento