Cep, sgomberato alloggio popolare Erp: "Occupazioni non più tollerate"

La persona fatta uscire è seguita dalla Sds. L'assessore Gambaccini: "Lavoro per il rispetto delle regole, assegneremo l'alloggio alla famiglia avente diritto"

Immagine di archivio

Si è svolto nei giorni scorsi lo sgombero di un immobile Erp di proprietà comunale, in via Brunelleschi nel quartiere Cep, occupato senza alcuna autorizzazione a seguito di scasso della serratura. L’operazione, coordinata dalla Direzione Politiche della casa del Comune di Pisa, ha visto coinvolto anche personale Apes con il supporto della Polizia Municipale, che ha provveduto ad allontanare il soggetto occupante, al quale era stata notificata l’ordinanza di sgombero venti giorni prima. 

Appreso che l’occupante non aveva una soluzione abitativa alternativa, non avendo un posto dove dormire, è stato chiesto alla Società della Salute della zona pisana di provvedere all’albergazione per un breve periodo, e, contemporaneamente, di iniziare un percorso di recupero sociale. Apes ha provveduto alla sanificazione dell’alloggio che versava in pessime condizioni igienico sanitarie e che, dopo i necessari lavori da parte dell’ente gestore, sarà assegnato dal Comune di Pisa alla famiglia che risulta avente diritto da graduatoria.

"La nostra amministrazione - ha dichiarato l’assessore alle politiche sociali e abitative Gianna Gambaccini - sta lavorando alacremente per dare segnali importanti in favore del rispetto delle regole. Stiamo conducendo una dura lotta contro le occupazioni abusive che non saranno più tollerate e ci stiamo impegnando per rendere esecutive le decadenze dal beneficio delle case popolari per le morosità colpevoli e per chi non presenti le dovute certificazioni come quelle di impossidenza. Spesso il lavoro burocratico che porta allo 'sgombero' può richiedere molto tempo, ma la nostra amministrazione proseguirà a impegnarsi su questo fronte, anche e soprattutto nel rispetto di quei cittadini che rispettano le regole e si trovano in situazioni di difficoltà. Ci tengo a ringraziare gli uffici che hanno lavorato al procedimento e le assistenti sociali per il prezioso lavoro di mediazione sociale svolto anche in loco".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

  • Più spostamenti in un comune diverso: ordinanza regionale in vista della zona arancione

  • Sciopero in sanità, scuola e trasporti il 25 novembre: orari e modalità

Torna su
PisaToday è in caricamento