menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sgomberato stabile lungo la ferrovia a Barbaricina: espulso 38enne con molti precedenti di droga

L'uomo si era da tempo sistemato in una roulotte all'interno di un capannone

La Polizia di Stato di Pisa ha effettuato stamani, 22 marzo, lo sgombero di una vasta area in via Vecchia di Barbaricina, nel contesto dei controlli nelle zone ferroviarie, per il contrasto delle occupazioni abusive. Ad essere interessato dall'azione è stato il capannone della ex concessionaria 'Sbrana Automobili': da tempo l'immobile era abusivamente abitato da un tunisino 38enne, con svariati precedenti per reati contro il patrimonio e soprattutto in materia di stupefacenti. Più volte l'uomo è stato pizzicato a spacciare eroina anche in zona stazione centrale.

Secondo quanto fa sapere la Questura, l'uomo si era attrezzato a dovere. La sua casa era una vecchia roulotte che, non si sa bene come, aveva parcheggiato all'interno del compendio, con tanto di condizionatore portatile e bagno chimico. La Polizia, a seguito della querela della proprietà, lo aveva reiteratamente denunciato per il reato di invasione di edifici. L'extracomunitario è rimasto indifferente alle segnalazioni così la Questura ha chiesto alla Procura della Repubblica il sequestro dell'immobile. Il Tribunale ha concesso la misura eseguita in mattinata dalla Divisione Anticrimine.

I poliziotti hanno dovuto chiedere l'intervento dei Vigili del Fuoco per tagliare le catene con cui l'abusivo aveva assicurato il cancello d'ingresso. Al pari sono state chiamate le Guardie Zoofile per prendere in carico un cane di grossa taglia presente nel recinto. Inoltre i Vigili del Fuoco hanno anche raccolto e affidato ad una ditta specializzata alcune bombole di gas presenti in loco, evidentemente utilizzate dal tunisino per cucinare, ritenute pericolose per l'incolumità pubblica.

L'uomo, denunciato nuovamente per invasione di edifici ed anche perché ha violato la misura cautelare del divieto di dimora, impostagli dal Tribunale per vicende di droga, è stato accompagnato prima in Questura per definire le pratiche che lo riguardavano, per poi essere portato nel pomeriggio da una pattuglia della Polizia di Stato al Centro di Permanenza e di Rimpatrio di Torino. Nei prossimi sarà collocato su un charter in partenza per Tunisi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Covid, la Toscana passa in zona arancione

  • Eventi

    I film in uscita ad aprile su Amazon Prime Video

Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento