Cronaca

Sgombero campi rom, le associazioni: "La Giunta Conti in continuità con la precedente"

Africa Insieme e Progetto Rebeldìa sul piano di sgomberi allo studio della nuova amministrazione comunale: "Nessuno sgombero senza idonee alternative"

"Ci risiamo, dunque. È notizia di questi giorni che la Giunta Conti starebbe predisponendo un piano di sgomberi degli insediamenti di rom e sinti, in particolare quelli di Coltano e di Ospedaletto-Oratoio. Almeno in questo, la nuova amministrazione è in perfetta continuità con quella precedente, che aveva smantellato con le ruspe il campo della Bigattiera, e aveva teorizzato la necessità di ridurre il numero di famiglie rom presenti sul territorio". Ad intervenire sulla questione campi rom sono le associazioni Africa Insieme e Progetto Rebeldìa dopo le intenzioni manifestate dalla nuova amministrazione comunale.

"È opportuno oggi sottolineare alcuni nodi fondamentali per comprendere cosa comportano queste proposte di sgomberi, e quali sarebbero le conseguenze se venissero messe in pratica" sottolineano le associazioni.

"In primo luogo, va fatta subito una precisazione: i rom che abitano sul territorio non sono affatto nomadi, e non abitano nei campi per una loro scelta. In molti casi non sono neppure stranieri, ma cittadini italiani a tutti gli effetti - affermano - stiamo parlando infatti di famiglie che per lo più vivono a Pisa da moltissimi anni, a volte da decenni: molti rom hanno nel frattempo acquisito la cittadinanza, e i loro figli, nati cittadini italiani a Pisa, e cresciuti a Pisa, sono 'autoctoni' da tutti i punti di vista (giuridico, sociale, culturale). Sarà bene tenerlo presente, anche per evitare i facili slogan 'tornino a casa loro'".

"In secondo luogo - proseguono le associazioni - nessuno di loro ha scelto di abitare nei campi dove sono stati confinati (in Via Maggiore, a Coltano e altrove): si tratta infatti di luoghi invivibili, sporchi, lontani tanto dalla città quanto dalle opportunità di lavoro e di inserimento sociale. Le stesse casette del campo di Coltano, dipinte come bucoliche 'ville con giardino' da chi le ha viste solo da lontano, transitando fugacemente sull'Autostrada o sull'Aurelia, sono in realtà costruite con materiali fatiscenti, si allagano al primo scroscio d'acqua, e sono da tempo infestate dai topi. Infine, ed è forse il nodo più importante, nessuno sgombero, così come nessuno sfratto di persone o famiglie, siano esse italiane o straniere, 'nomadi' o stanziali, rom o non rom, può essere effettuato senza prima predisporre idonee alternative: case, appartamenti adeguati alle dimensioni dei nuclei, alloggi per tutti e tutte. Non siamo noi a dirlo, è la stessa 'legalità' tanto spesso (e tanto a sproposito) invocata dalle forze politiche che governano la città e l'Italia".

"Sì, parliamo proprio di legalità. Vi sono precise Convenzioni internazionali, firmate anche dal nostro paese, che definiscono gli standard degli sgomberi e degli sfratti: e che obbligano le amministrazioni a trovare soluzioni alternative, anche quando sgomberano insediamenti, campi o alloggi non autorizzati o 'abusivi'. Ce lo ha ricordato proprio in queste settimane la Corte Europea per i Diritti dell'Uomo, obbligando il Comune di Roma a sospendere lo sgombero dell'insediamento rom di Camping River: un obbligo disatteso dalla Giunta capitolina, con il plauso del Ministro dell'Interno in carica, cosa che comporterà nei prossimi mesi pesanti sanzioni contro il nostro paese".

"Non è possibile tornare a ragionare della questione dei campi a Pisa, senza tener conto di questi elementi di contesto. E sarà opportuno non agitare i soliti e facili slogan: 'prima gli italiani', 'invece di pensare ai rom, pensate prima alle nostre famiglie sfrattate', e così via. L'esperienza di questi anni, a Pisa come altrove, dimostra che l'accanimento contro i rom, o contro i richiedenti asilo, gli immigrati, gli stranieri, è spesso un comodo diversivo per non parlare di politiche sociali e abitative - concludono Africa Insieme e Rebeldìa - si sgomberano i campi, insomma, anche per non parlare delle fallimentari politiche sulla casa perseguite in tutti questi anni dai governi di diverso colore".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sgombero campi rom, le associazioni: "La Giunta Conti in continuità con la precedente"

PisaToday è in caricamento