Sabato, 18 Settembre 2021
Cronaca Putignano

Putignano, pronto lo sgombero: appello dei genitori per la famiglia rom colpita

La data dello sgombero è imminente, i genitori delle scuole di Sant'Ermete e Putignano chiedono all'Amministrazione di evitare l'aggravio di una situazione già difficile. Descritta tutta la vicenda: "Famiglia affettuosa, i loro figli a scuola coi nostri"

Immagine di repertorio

Un accorato appello dei genitori delle scuole di Sant'Ermete e Putignano illustra la difficile situazione in cui si trova la famiglia rom Ahmetovic, che ha ricevuto martedì il preavviso di sgombero in esecuzione entro 5 giorni, e chiede all'Amministrazione di sospendere il provvedimento. Lo scopo è trovare una soluzione che non peggiori le condizioni di vita delle 11 persone interessate, di cui 9 bambini, e non vanifichi gli sforzi di integrazione finora compiuti.

"La famiglia vive in case mobili – ricostruisce la nota – su un terreno agricolo da loro acquistato con il risarcimento di un'assicurazione a seguito della morte del padre del capo famiglia, investito da un auto. Come ribadito nella conferenza stampa da parte di Gianni Ahmetovic, quella soluzione abitativa non era la migliore possibile ma quella che permetteva a lui di tenere i figli fuori dai campi rom e di garantirgli una sopravvivenza più dignitosa, non riuscendo a sostenere la spesa per una casa vera e propria".

Poi i problemi legali, che non appaiono particolarmente gravi: "Il terreno è stato loro sequestrato per abuso edilizio, consistente nello spargimento di ghiaia per evitare la formazione di fango. Non sono state invece costruite strutture fisse, e gli scarichi sanitari sono convogliati in una fossa settica, svuotata regolarmente. La famiglia è composta oltre che dai genitori da 9 figli minori, in età compresa tra un mese e 17 anni. I figli in età scolare frequentano regolarmente le scuole e sono compagni dei nostri bambini".

"La famiglia che conosciamo è affettuosa – raccontano i genitori – e attenta ai bisogni dei propri bambini, li cura e li manda a scuola, per cui non riteniamo che un'eventuale proposta di accogliere i minori in una struttura, come talvolta viene offerto in questi contesti, possa essere una soluzione accettabile, ed essa verrebbe giustamente rifiutata dalla famiglia. Non essendoci soluzioni proposte, i bambini finirebbero in strada, e questo si ripercuoterebbe sulla loro frequenza scolastica, sulla buona integrazione che si è conquistata in questi anni e su una qualunque prospettiva di futuro".

Ecco quindi l'appello alle istituzioni: "Noi genitori delle scuole di Sant'Ermete e Putignano, che già negli scorsi mesi ci siamo pronunciati con 160 firme per evitare uno sgombero senza soluzioni alternative, contrario alle normative europee e alla Strategia Nazionale di inclusione di Rom e Sinti, chiediamo nuovamente all'amministrazione di riflettere sulle conseguenze di questo sgombero ritenendo che non sia opportuno aggravare ulteriormente una situazione già disagiata".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Putignano, pronto lo sgombero: appello dei genitori per la famiglia rom colpita

PisaToday è in caricamento