menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sgombero Limonaia, il presidente della Provincia Angori: "Palazzo di competenza dell'Autorità Giudiziaria"

La Provincia conferma che nell'operazione di sgombero avvenuta nella mattinata di martedì 26 gennaio non ha avuto alcun ruolo. E annuncia di voler avviare un percorso per ridare vita alle attività di aggregazione condotte nell'immobile

A fine mattina di martedì 26 gennaio il presidente della Provincia di Pisa Massimiliano Angori si è recato personalmente in Vicolo dei Ruschi per rendersi conto della situazione della Limonaia. "La questione dello sgombero è coperta da un fascicolo giudiziario, e io sono venuto a conoscenza dell'evento soltanto nella mattinata odierna a operazione in corso, tanto è vero che non ho avuto modo di recarmi tempestivamente sul posto", spiega Angori.

"Ho tuttavia immediatamente chiesto informazioni al riguardo anche alle istituzioni preposte a coordinare le operazioni in loco - prosegue il presidente della Provincia - e mi è stato assicurato che al momento non vi era alcuna persona all'interno dell'immobile e che pertanto non ci sono stati scontri. Da quanto ho appreso dalla struttura provinciale, inoltre, la questione relativa alla sicurezza e alla stabilità dell'immobile oggetto di sequestro inizia dal 2013, quando dagli uffici venivano segnalate delle instabilità strutturali inerenti la copertura del tetto e altre criticità relative al palazzo; poi con la riforma delle Province, e il venir meno di gran parte delle risorse economiche per il nostro Ente, non si è avuto modo di affrontare efficacemente quello che sarebbe stato un opportuno intervento di manutenzione straordinaria".

Massimiliano Angori continua: "Da aprile 2017 il palazzo è di stretta e assoluta competenza della sola Autorità Giudiziaria. Ciò significa che come Provincia non vi è dal 2017 una reale proprietà, né per fermare sgomberi né per dar corso anche alla necessaria manutenzione straordinaria dell'immobile. Detto questo, la Provincia di Pisa è tenuta periodicamente ad informare l'Autorità Giudiziaria competente circa lo stato del palazzo, e la priorità è sempre stata, in tutto questo periodo, quella di salvaguardare la sicurezza di ciascuno, dal momento che l'immobile presenta carenze proprio dal punto di vista della stabilità strutturale".

Poi il presidente sottolinea: "Mi preme tuttavia precisare che, se ad ogni modo ne fossi stato a conoscenza, per quanto, lo ribadisco, che la vicenda è coperta da un fascicolo giudiziario, avremmo cercato come amministrazione provinciale di condurla con uno spirito di estrema collaborazione e con un'operazione di serrato confronto, come è nostro solito fare, con tutti i soggetti in campo, associazioni comprese, per avviare un dialogo e un ascolto attivo di tutte le componenti in gioco".

"Siamo infatti coscienti che le attività che sono state portati avanti facciano parte anche di una realtà aggregativa - conclude Angori - e a dimostrazione del nostro spirito di collaborazione, scevro da qualsivoglia pregiudizio, è nostra intenzione come Amministrazione della Provincia di Pisa attivare un tavolo di confronto per recuperare, in spazi adeguati e che rispettino la reciproca collaborazione tra le istituzioni, tutte quelle iniziative propositive e di solidarietà a beneficio della collettività, portate avanti da queste associazioni. L'impegno della Provincia di Pisa, in tal senso, sarà massimo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Spuntini proteici, i pancake con uova e yogurt: la ricetta

social

Dolci sfiziosi, la ricetta della torta di mele e Nutella

Arredare

Arredamento open space: come avere una casa di tendenza

Cura della persona

Ammorbidente fai da te, le migliori ricette naturali

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento