Trovata morta nel dirupo: indagini per stabilire i motivi del decesso

Sono due le ipotesi sul tavolo dei Carabinieri di San Miniato: la prima è quella dell'incidente, la seconda quella di un gesto volontario

Saranno gli accertamenti sul mezzo finito fuori strada e quelli medico legali a fornire utleriori elementi sui motivi che hanno portato alla morte di Simona Bimbi, la 46enne educatrice di Forcoli trovata senza vita domenica 23 agosto. La donna si era allontanata da casa con la sua Hyundai bianca il 18 agosto, senza fare più ritorno. Il 20 agosto erano poi scattate le ricerche coordinate dalla prefettura che sono terminate domenica, con il ritrovamento della donna senza vita a bordo della sua auto in fondo ad un dirupo a Chianni.

Sono due le ipotesi sul tavolo dei Carabinieri di San Miniato, che conducono le indagini. La prima è quella dell'incidente, un'uscita di strada dovuta forse ad un malore o ad una distrazione sull'asfalto bagnato dalla pioggia. La seconda quella del gesto volontario. La donna viveva infatti un momento di sconforto per la fine del suo matrimonio (si era separata da un anno) e per i problemi sul lavoro legati al Coronavirus. 
Sulla strada non sono state trovate tracce di frenate e dopo i primi rilievi sarebbe stato escluso il coinvolgimento di altri mezzi nell'incidente.

"Difficile trovare parole in questo momento - scrive su Facebook il Nido d'Infanzia Ape Maja, dove Simona Bimbi lavorava - le tue tate si stringono al dolore della famiglia, consapevoli di aver avuto al fianco una collega preziosa in tutti questi anni. Il tuo sorriso ci accompagnerà sempre. Più che colleghe eravamo una famiglia: in tutti questi anni lavorare al tuo fianco è stato bello, il tuo sorriso era coinvolgente e sempre pronto ad accogliere i nostri bimbi".

Ad esprimere il proprio cordoglio anche i componenti del CRED (Centro Risorse Educative e Didattiche) e del coordinamento dei nidi della Valdera che si uniscono "al dolore della famiglia e dell’intera Comunità Educante per la grave perdita subita con la scomparsa di Simona Bimbi, brillante educatrice che prestava servizio presso il nido Ape Maja di Perignano. Il sorriso di Simona, la sua disponibilità a mettersi in gioco nelle diverse situazioni educative a cui partecipava assiduamente con il suo gruppo di lavoro, hanno fatto in modo che fosse molto apprezzata dai bambini e altrettanto stimata dai colleghi. Per questo motivo tutti gli esponenti del CRED e del coordinamento dei nidi della Valdera esprimono le più sentite condoglianze alla famiglia di Simona, alle figlie e al collettivo di cui faceva parte".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Più spostamenti in un comune diverso: ordinanza regionale in vista della zona arancione

  • Toscana zona rossa, scende l'indice Rt: "Zona gialla prima di Natale"

  • Comune di Pisa: nuovi bandi per assumere un falegname, un elettricista e un agronomo

  • "Pronto Polizia, non abbiamo più niente da mangiare", e gli agenti donano due pizze

  • Coronavirus in Toscana: quasi 1.200 nuovi positivi, 236 a Pisa

Torna su
PisaToday è in caricamento