Domenica, 20 Giugno 2021
Cronaca

Cascina contro il razzismo: il sindaco Antonelli come Dani Alves

Spopola sui social network l'emulazione del terzino del Barcellona Dani Alves, che in una partita di campionato ha mangiato una banana lanciata dagli spalti ridicolizzando l'offesa razziale ricevuta. Ieri 29 aprile è stata la volta del sindaco Antonelli

E' sempre più comune che le campagne nate dal web diventino dei veri e propri tormentoni, dove anche i personaggi più impensabili si mettono in gioco per questa o quella iniziativa. In questi giorni spopola su Facebook e Twitter l'emulazione del gesto di Dani Alves, terzino del Barcellona che durante la partita contro il Villareal si è mangiato una banana lanciata dagli spalti. Il giocatore non ci ha pensato due volte: prima di battere il corner ha raccolto il frutto e in un boccone l'ha ingerito.

Un gesto ironico contro il razzismo che è diventata una vera e propria moda, che ha contagiato anche le istituzioni. E così anche il sindaco di Cascina Alessio Antonelli ha voluto ripetere il salutare spuntino, seguito dall'assessore alla cultura Fernando Mellea e l'assessore allo sport Alessandro Ribechini. "E' un gesto semplice che ha un grande significato – dice Antonelli – il razzismo deve essere combattuto sia con la cultura e la lotta all'ignoranza, ma anche con grandi gesti simbolici come quello di Dani Alves. Ed è bellissimo vederlo fare da un giocatore di caratura mondiale, a cui guardano come modello tanti ragazzi".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cascina contro il razzismo: il sindaco Antonelli come Dani Alves

PisaToday è in caricamento