Cronaca

Scontri fra tifosi, il sindaco di Empoli: "Interrompere le partite del Pisa al Castellani"

Lo ha detto Brenda Barnini dopo i tafferugli che si sono verificati nel pomeriggio. "Empoli non merita di essere teatro di fatti così gravi"

"Dopo i gravi episodi di oggi come sindaco di Empoli farò presente alla Prefettura di Firenze la necessità di non far più svolgere al ‘Castellani’ le partite del Pisa".  Lo ha detto il primo cittadino di Empoli, Brenda Barnini, dopo i fatti di cronaca che si sono verificati nel primo pomeriggio di oggi, sabato 17 settembre, a Empoli, a margine della partita di calcio del campionato di Serie B fra Pisa e Brescia, ospitata allo stadio ‘Carlo Castellani’.

"Lo faccio per motivi evidenti - contuna il sindaco - si tratta di garantire l’ordine pubblico e la sicurezza nella nostra città. Empoli non merita di essere teatro di fatti che mai si sono verificati in passato con questa gravità. Empoli non è abituata a vivere l’evento calcistico come un’occasione di guerriglia. La correttezza e la sportività da sempre dimostrata dalla nostra tifoseria è sotto gli occhi di tutti. Allo stesso tempo esprimiamo la solidarietà e la vicinanza ai rappresentanti delle forze dell’ordine che sono rimasti feriti negli scontri. E con la stessa forza vogliamo dire ai cittadini, ai residenti, ai commercianti e a tutti i titolari delle attività produttive che gravitano intorno allo stadio e nel quartiere Serravalle, di essere estremamente dispiaciuti, come amministrazione, per gli ulteriori disagi che hanno dovuto sopportare".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scontri fra tifosi, il sindaco di Empoli: "Interrompere le partite del Pisa al Castellani"

PisaToday è in caricamento