Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca Volterra / Piazza dei Priori

Volterra e San Gimignano: una crociata contro il patto di stabilità

Appello al Governo dei due primi cittadini Marco Buselli e Giacomo Bassi dopo il crollo delle mura di Volterra a causa del maltempo. Il sindaco di San Gimignano ha scritto anche una lettera al ministro per i Beni Culturali Massimo Bray

Il ministro Bray domenica scorsa sul luogo della frana (foto Gazzetta di Volterra)

Un fronte comune per chiedere al Governo lo sblocco del patto di stabilità per tutelare il patrimonio storico artistico delle città italiane. Il sindaco di Volterra Marco Buselli e il sindaco di San Gimignano Giacomo Bassi si fanno portavoce della richiesta di sbloccare le risorse che i primi cittadini potrebbero investire nella manutenzione di mura, torri e tanti altri monumenti storici, argomento quanto mai di attualità dopo il crollo delle mura medievali di Volterra la scorsa settimana.

"Il nostro obiettivo è quello di fare rete in Toscana e nel resto d’Italia per chiedere l'abbattimento del patto di stabilità - spiega il sindaco Buselli - che ci impedisce di utilizzare risorse necessarie per la manutenzione dei beni culturali. Il recente crollo delle mura di Volterra ha dimostrato come queste risorse siano indispensabili prima di tutto per prevenire simili e ingenti danni e, nel caso si verificassero, rendere liberi i sindaci di intervenire senza dover attendere le lungaggini burocratiche".

Anche per questo il sindaco di San Gimignano ha scritto una lettera al ministro dei Beni culturali Massimo Bray: "E’ molto apprezzabile la sensibilità del ministro che si è subito interessato del crollo delle mura di Volterra - spiega il sindaco Bassi - però le città d’arte italiane necessitano di atti concreti. Anche in qualità di vicepresidente dell’Associazione Beni Italiani Patrimonio Mondiale Unesco ho scritto al ministro chiedendogli di farsi portatore in Consiglio dei Ministri di una proposta che preveda l’esenzione dal computo del patto per le risorse spese dai Comuni per interventi di manutenzione e ristrutturazione del patrimonio notificato, questo permetterebbe a noi sindaci di intervenire sui danni provocati dall’incuria del tempo e degli agenti atmosferici. Una lettera – conclude Bassi - che ho scritto pensando a San Gimignano, a Volterra e alle tante realtà italiane che come noi devono gestire un patrimonio dal valore inestimabile e tramandarlo, e allo stesso tempo tutelare l’incolumità dei cittadini".

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volterra e San Gimignano: una crociata contro il patto di stabilità

PisaToday è in caricamento