Sabato, 18 Settembre 2021
Cronaca Volterra

Volterra, è un bollettino di guerra: le frane analizzate una per una

La Provincia di Pisa diffonde il dettaglio dei vari eventi franosi che hanno colpito il territorio nell'ultimo mese, in corrispondenza delle due forti ondate di maltempo che hanno provocato anche il crollo delle Mura medievali

Sopra una delle tante frane che hanno colpito Volterra nell'ultimo mese, nell'altra foto la 439 Dir allagata (foto Gazzetta di Volterra)

Centosettantamila euro per i lavori di somma urgenza. 720mila euro per gli interventi in corso di realizzazione e già finanziati. E’ questo il quadro delle risorse messe in campo dalla Provincia di Pisa per affrontare le emergenze sulla viabilità di Volterra. Le nuove frane si sono aggiunte alle 38 situazioni di criticità già note, e che richiederebbero una spesa di oltre 5 milioni di euro. “Siamo vicini e comprendiamo il disagio dei cittadini e delle imprese - afferma il presidente della Provincia di Pisa Andrea Pieroni - siamo impegnati senza sosta nel portare avanti i lavori di somma urgenza e alleggerire il peso di una situazione che è complessivamente grave e che impone allo Stato di affrontare l’emergenza geomorfologica di Volterra con un piano straordinario che finanzi interventi di messa sicurezza del territorio e della viabilità”. “La situazione peculiare della viabilità di accesso a Volterra - sottolinea ancora Pieroni - conseguenza della natura geomorfologica del territorio, è da tempo per  la Provincia di Pisa una priorità, anche se su questa priorità ci si è spesso confrontati con posizioni diverse che promettavano interventi alternativi ad una programmazione della Provincia fatta propria dalla Regione con soluzioni non invasive. Non possiamo più spostare in avanti la risoluzione dei problemi perché se oggi è difficile 'salire' a Volterra, domani potrebbe essere impossibile". La gran parte degli interventi di somma urgenza hanno permesso di superare le temporanee chiusure e difficoltà di circolazione e dallo studio delle cause delle frane è emerso che molti degli eventi sono legati ad una mancata o non adeguata manutenzione (in termini di regimazione delle acque) dei terreni ubicati a monte della scarpate, di proprietà privata. In tal senso la Provincia si attiverà per ordinare il ripristino delle condizioni di sicurezza delle stesse scarpate ai soggetti proprietari.

SITUAZIONE DELLA VIABILITA'

I recenti eventi meteorologici (31 gennaio - 1 febbraio e 10-11 febbraio) hanno determinato una situazione complessiva di grave criticità sulla viabilità provinciale ricadente all’interno del territorio comunale di Volterra, aggravando pesantemente un quadro già particolarmente complesso e ben noto ai tecnici della Provincia.

S.R.T. 68 VAL DI CECINA. E' stata interessata da 3 frane cosiddette 'di valle' che obbligavano la circolazione su di un'unica corsia di marcia, con regolamentazione del traffico a mezzo di impianto semaforico ubicate rispettivamente al km 34+300 (tratto tra Saline e Volterra, attiva dal giorno 10.02) ed al km 44+600 (tratto tra Volterra e confine provinciale attiva dal giorno 31.01) e al km 31+000 (tratto tra Saline e Volterra, attiva dal giorno 11.02). Per le tre frane sono state attivate procedure di somma urgenza e sono stati eliminati gli impianti semaforici provvisori. Nel caso della frana al km 44+600 rimane il senso unico alternato regolato a vista. I lavori definitivi presuppongono un progetto articolato per il quale serviranno alcuni mesi e dovranno essere reperite le relative risorse. Per quanto riguarda la frana al km 44+600 la somma urgenza attivata ha comportato una spesa di € 21.500; per la frana al km 34+300 gli interventi hanno avuto un costo complessivo di € 40.000. Per quanto riguarda la frana al km 31+000 il costo complessivo è di € 20.000.

S.R.T. 439 SARZANESE VALDERA. Nei giorni compresi tra il 31 gennaio e il 1° di febbraio sono stati registrate al km 96+400 (Loc. La Bacchettona) due frane 'di monte' (ovvero interessanti la scarpata di monte); non si tratta di due eventi distinti ma due situazioni che hanno riguardato lo stesso punto: il primo intervento, del giorno 31.01 è stato risolto con l’intervento in somma urgenza di una ditta esterna mentre il secondo (dell’1.02) è stato risolto dal personale tecnico della Provincia. Al momento il costo sostenuto per gli interventi è di € 5.000.

S.P. 15 VOLTERRANA. Questa strada ha richiesto interventi di sistemazione in entrambe le due ondate di maltempo. In occasione delle piogge del 31 gennaio furono necessari interventi in somma urgenza di rimozione di materiale detritico caduto sulla carreggiata in più tratti, causato da distacchi di terreno dalle scarpate di monte. Tali interventi comportarono comunque la necessità di chiusura completa al traffico della strada nel tratto compreso tra il km 1+500 ed il km 3+600 per il giorno 1.02, con riapertura del traffico alla sera dello stesso giorno. Il costo degli interventi è di € 15.000. Più grave è la situazione che si è venuta a creare a partire dal 10 febbraio. A seguito delle nuove piogge, si sono registrate due nuove grosse frane rispettivamente al km 3+300 ed al km 3+400. In ordine temporale si è prima registrata la frana al km 3+400, con rottura del muro di sostegno che teneva il versante di monte, e successivamente quella al km 3+300, dove a seguito del cedimento del versante di valle sono franati circa 20 m lineari di muro di sottoscarpa. La strada è stata chiusa al traffico dal km 3+300 al km 3+600 già dal giorno 10.02, con accesso fino alle progressive citate limitato soltanto ai residenti. L’intervento al km 3+400 è in via di risoluzione, quanto meno per la rimozione del pericolo più grave che consentirebbe una riapertura al traffico con senso unico alternato, con una stima quantificata del costo di intervento pari a circa € 50.000, ma anche in questo caso il ripristino delle condizioni di stabilità dell’intero versante richiederanno progettazione ed ulteriori significative risorse. Per la frana al km 3+300 è stato incaricato un professionista per definire la stabilità del complesso e valutare una possibile riapertura, almeno in senso unico alternato. Si conta entro prima metà di marzo di aver quantificato, sulla base delle valutazione del tecnico, il costo dell’intervento, sia per quanto concerne una messa in sicurezza provvisoria, sia per una soluzione definitiva delle condizioni di stabilità dell’intero versante.

L’intero tratto compreso tra il km 4+000 ed il km 2+000 presenta evidenti irregolarità del piano viario causati da dissesti del corpo stradale. Occorre ricordare che questo tratto è adiacente all’area delle Balze. In particolare, questo tratto presenta opere di sostegno (a monte) e di sottoscarpa (a valle) realizzate molti anni fa e quindi con tecniche costruttive ormai inadeguate a sostenere le spinte ed i franamenti che caratterizzano questi versanti. Infatti, ad esempio, l’intero tratto tra il km 2+000 ed il km 4+000 presenta sul margine sinistro (di monte) muretti a secco non più in grado di sostenere le spinte, mentre sul margine destro (di valle) è presente un muro alto più di 5 m, poggiato direttamente sul terreno incoerente.allagamento 439 dir gazzetta di volterra-2

In aggiunta a quanto sopra descritto, occorre ricordare che lungo la S.P. n. 15 sono presenti altre tre situazioni di crisi: a) il tratto tra il km 0+000 ed il km 0+500 (tratto interno al centro abitato di Volterra), è stato più giorni chiuso al traffico a causa del cedimento del muro di sostegno di monte ed ancora attualmente sono presenti 3 restringimenti di carreggiata con senso unico alternato a vista, per far spazio ai cantieri installati dal Comune di Volterra per contrastare il cedimento del muro stesso, mediante posa in opera di geoblocchi in calcestruzzo prefabbricato. b) al km 3+800 è da tempo presente un senso unico alternato regolamentato con impianto semaforico, a causa di una frana di valle, per il quale è pronto il progetto esecutivo che sarà approvato dalla Provincia di Pisa con conseguente procedura di affidamento dei lavori, per un importo complessivo dell’appalto pari a € 220.000; c) al km 8+500 è presente un’imponente frana di monte (che interessa una superficie pari a circa 2 ettari di terreno), ancora oggi regolata con senso unico alternato con impianto semaforico: i relativi lavori sono in fase di completamento (entro l’estate), con una spesa di oltre € 500.000.

S.R.T. 439 DIR. A seguito degli eventi di pioggia del 10 e 11 febbraio al km 16+500 è ripartita una nuova e più ampia frana di monte che ha obbligato all’attivazione di lavori in somma urgenza per il ripristino della transitabilità del tratto; il tratto era già stato interessato da una frana in occasione degli eventi del 24 ottobre 2013; in questa occasione il fronte di distacco è stato più ampio ed ha un’estensione pari a circa 100 m per un’altezza della scarpata di circa 4 m. I lavori di messa in sicurezza provvisoria sono conclusi, con un costo di € 15.000. Al km 14+500, per effetto del maltempo sempre dello scorso ottobre è presente un senso unico regolato a vista per una frana della scarpata di valle, la cui criticità è aggravata dalla presenza di edifici di proprietà privata non distanti dal piede della scarpata stessa. Al momento sono stati eseguiti interventi di regimazione delle acque per impedire che l’acqua superficiale possa convogliarsi in corrispondenza della frana ed accrescere la pericolosità del tratto. La strada presenta poi altre situazioni di crisi lungo l’intero tratto compreso tra il km 10+000 ed il km 16+000 per la mancata regimazione delle acque di monte; il tratto compreso invece tra il km 10+000 ed il km 12+000 è reso critico anche dalla presenza dell’Era che in caso di piena spesso esonda e allaga anche la strada.

S.P. 16 DEL MONTE VOLTERRANO. Questa strada è stata interessata da interventi di somma urgenza in occasione delle piogge del 31 gennaio e del 1° febbraio, con attivazione di un’impresa esterna, che è intervenuta per rimuovere smottamenti di monte che interessavano la carreggiata nel tratto compreso tra il km 1+000 ed il km 3+000. Inoltre si è dovuti intervenire (sia con ditta esterna che con personale tecnico della Provincia) nel tratto compreso tra il km 6+000 ed il km 7+000 per regimare le acque provenienti da scarichi privati ubicati a monte non adeguatamente manutenuti, le cui acque si riversavano sulla strada con allagamenti importanti della sede stradale stessa. Il costo complessivo di questi interventi è stato di € 5.000. Per effetto degli eventi meteorologici del 10 e 11 febbraio sono peggiorate le condizioni di alcune frane di valle tra il km 5+000 ed il km 7+000, sebbene al momento non sia ancora necessario attuare misura di riduzione della circolazione, anche se sono state potenziate le indicazioni di segnalamento dei pericoli. Particolare preoccupazione desta la situazione del movimento franoso in atto al km 2+800. Tali situazioni sono comunque sotto attento e costante monitoraggio del personale tecnico della Provincia, in quanto, per la natura stessa dei terreni presenti in sito, la progressione delle frane avviene spesso repentinamente, con formazione di dislivelli significativi sulla pavimentazione non compatibili con la circolazione veicolare in sicurezza. Al Km 3+200 si è infine resa necessaria l’istituzione di un senso unico alternato regolato a vista a causa di un movimento franoso che ha interessato la scarpata di valle del corpo stradale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Volterra, è un bollettino di guerra: le frane analizzate una per una

PisaToday è in caricamento