Parco di Cisanello: 200 mila euro per un primo intervento di bonifica

Gli uffici sono intanto al lavoro per redigere un progetto complessivo da dividere in lotti che potrà però essere sostenuto solo con risorse esterne

Entro dicembre è previsto un primo intervento di pulizia dell'area e progettazione dei percorsi interni. Un intervento che verrà finanziato dal bilancio comunale con un investimento di 200mila euro. Intanto gli uffici sono al lavoro per la redazione di un progetto preliminare complessivo, da articolare in più lotti, che tenga conto delle indicazioni emerse dal progetto partecipativo che ha coinvolto associazioni e cittadini. Un progetto che ha un costo stimato che si aggira sui 2 milioni di euro e che potrà però essere sostenuto solo con risorse esterne, con particolare riguardo ai finanziamenti europei sulle cosidette 'infrastrutture verdi'.

E' questa la situazione attuale del futuro Parco urbano di Cisanello, la zona a verde da recuperare all'ombra delle Torri di Bulgarella. "L'area - spiega il vicesindaco con delega al Verde pubblico, Paolo Ghezzi - necessita innanzitutto di un primo intervento di pulizia e bonifica". Per questo il Comune aveva chiesto e ottenuto dalla Regione un finanziamento di 200mila euro poi cancellato da quest'ultima. Una cifra ripristinata da Palazzo Gambacorti con l'ultima variazione di bilancio. "Abbiamo messo i soldi a bilancio - prosegue Ghezzi - ora si tratterà di stanziare queste risorse, speriamo di riuscire a farcela entro l'anno".

Ma per la realizzazione del parco servono molti più soldi: si parla di circa 2 milioni di euro. "Una stima realistica - prosegue Ghezzi - anche se il progetto sarà articolato in più lotti, in modo da poterlo finanziare e realizzare in più fasi". Per reperire questi finanziamenti sarà quindi necessario trovare dei bandi su cui concorrere. "Al momento - afferma ancora Ghezzi - bandi di finanziamento sul verde non ce ne sono. Gli interventi che in questi anni abbiamo realizzato su questo fronte rientravano in progetti più ampi: ad esempio con i finanziamenti Piuss abbiamo riqualificato non solo le Mura, ma anche le aree verdi circostanti, in quanto ad essa funzionali". 

Una futura linea di finanziamento specifica dell’Unione Europea potrebbe essere quella delle 'infrastrutture verdi'. "Un concetto di verde nuovo sui quali siamo stati tra i primi a muoverci. Su questo fronte - spiega Ghezzi - noi, o quella che sarà la futura amministrazione, potrà concorrere ai finanziamenti, inserendo anche altri importanti progetti che riguardano il verde cittadino, come ad esempio quello per il Parco della Cittadella, o per il vallo del Giardino Scotto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Olio di semi mescolato con il gasolio: denunciati gestori di distributore

  • I migliori sport e i trucchi per accelerare il metabolismo e dimagrire

  • Nubifragio in Valdera: allagamenti e disagi

  • Via le Rene: trovata auto incidentata cappottata nel fosso

  • Lotterie: vinto un milione di euro a Pisa

  • Incidente sul lavoro in un'azienda di Pontedera: grave 59enne

Torna su
PisaToday è in caricamento