Via Norvegia, la denuncia dei residenti: "Degrado e scarsa manutenzione"

Attività illegali, assenza di controlli, mancanza di spazi di aggregazione, buche e scarsa manutenzione degli alloggi popolari. Sono diverse le problematiche segnalate dagli abitanti di via Norvegia, a Cisanello. Il nostro sopralluogo

Via Norvegia

Assenza di spazi di aggregazione, buche e cedimenti stradali. Ma anche poca manutenzione degli edifici popolari e attività illegali di diversa natura. E' questa la situzione descritta dagli abitanti di via Norvegia, a Cisanello. Problematiche "ormai quasi trentennali" ma che negli ultimi anni, complici le difficoltà economiche del Paese, si sono ulteriormente acuite. Dopo la segnalazione del comitato di quartiere abbiamo effettuato un sopralluogo per capire come stanno realmente le cose.

MANCANO GLI SPAZI DI AGGREGAZIONE. "Non ci sono spazi di ritrovo - spiega Romano Fiorito, un residente - e i bambini sono costretti a giocare per strada, con tutti i pericoli che ne conseguono. Serve un luogo dove potersi incontrare e svolgere attività ricreative, anche perchè in via Norvegia ci sono tanti anziani ed invalidi che non possono spostarsi".

Per questo gli abitanti chiedono da tempo l'apertura e la messa in sicurezza dell'area dell'ex asilo Timpanaro. "Come Riformisti per Pisa - dice Luca Pisani, rappresentante della lista e consigliere territoriale del Ctp 5, nonchè residente di via Norvegia - abbiamo chiesto la riapertura di quest'area per farne uno spazio di aggregazione per il quartiere. Il problema è come sempre la mancanza di risorse economiche per i lavori".

BUCHE, CEDIMENTI STRADALI E ALLOGGI. Le criticità riguardano però anche le vie di accesso ai palazzi e gli stessi alloggi popolari che necessitano di più manutenzione. "Senza dimenticare - prosegue Fiorito - un sistema fognario precario che, anche durante gli ultimi avvenimenti meteorologici, non ha retto l'impatto con la pioggia causando allagamenti".

Mentre il tratto di strada di via Norvegia è comunale e si presenta in buone condizioni, le aree e le vie prospicienti gli edifici sono di pertinenza di Apes e presentano diverse problematiche. "Crepe, buche e cedimenti stradali - prosegue continua Fiorito - sono all'ordine del giorno e Apes non ha le risorse necessarie per effettuare gli interventi di manutenzione. A volte sono gli stessi residenti a tappare le buche, molto più spesso accade invece che nessuno se ne occupi. Del resto basta guardarsi intorno per vedere quali sono le condizioni in cui viviamo".

Una situazione che riguarda anche gli stessi alloggi popolari. "Gran parte di questi appartamenti - dice ancora Fiorito - sono stati costruti negli anni settanta e presentano ormai diversi problemi: pareti che si sgretolano, tubi che perdono. Quando segnaliamo queste problematiche ad Apes l'unica risposta che ci viene data è che mancano i soldi per fare gli interventi. Però la gente paga l'affitto, e sarebbe giusto che venisse tutelata".

DEGRADO E ASSENZA DI CONTROLLI. Ma non è tutto. L'area di via Norvegia è infatti spesso teatro di attività illecite di diverso genere."Si va dallo spaccio alla prostituzione - afferma un'altra residente - qui non ci facciamo mancare niente. Via Norvegia è purtroppo una zona degradata e i controlli delle forze dell'ordine sono scarsi. E comunque - prosegue la residente - possono fare poco perchè chi spaccia, ad esempio, nasconde le sostanze e le tira fuori solo quando arriva il cliente".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

COLLEGAMENTO CON VIA DI PADULE. In questo scenario un segnale positivo è l'ormai prossima apertura del nuovo collegamento stradale con via di Padule. "Si tratta di un primo passo - spiega Luca Pisani - per riqualificare il quartiere. Basti pensare che fino ad ora le ambulanze per arrivare all'ospedale devono percorrere via di Cisanello fino al semaforo della Mediaword e poi tornare indietro. Il collegamento con via di Padule permetterà invece di raggiungere direttamente l'ospedale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus e sovraffollamento, nuova ordinanza: positivi inviati in albergo

  • Spiagge di ghiaia a Marina, alga tossica 6 volte oltre i limiti: "Fate attenzione"

  • Scuola, nuovo incontro per la ripartenza: si va verso il prolungamento della didattica a distanza

  • Coronavirus in Toscana, 9 casi in più e zero decessi nelle ultime 24 ore

  • Coronavirus in Toscana, 9 casi in più: a Pisa giornata da zero nuovi contagi

  • Coronavirus, sette nuovi casi: nessun positivo in più a Pisa

Torna su
PisaToday è in caricamento