Sms Biblio chiusa: "E' servizio essenziale, sia potenziato il prestito a domicilio"

L'associazione 'Amici della Sms Biblio Pisa' spinge per un'orario di attività più ampio e per l'estensione dei servizi, anche in sostegno degli utenti nel contesto di pandemia

L’associazione 'Amici della Sms Biblio Pisa', nata in occasione del trasferimento della biblioteca comunale dalla sede storica a quella di via San Michele degli Scalzi, per supportare questa istituzione in tutte le sue attività e farsi partecipe della vita culturale della città, interviene con una lettera aperta sulla situazione attuale della Biblioteca struttura, al momento chiusa, perché "ciò sia di stimolo al dibattito culturale e politico cittadino".

"In questo periodo così complesso e di relazioni sociali ridotte - scrive la presidente Caterina Violo - che purtroppo durerà a lungo a causa della pandemia, è necessario dare una scossa per rilanciare le attività delle istituzioni culturali cittadine, in particolare della Sms Biblio, anche con nuovi strumenti adeguati alla situazione attuale. Le biblioteche sono state chiuse di nuovo formalmente dal Dpcm del 3/11, ma la biblioteca comunale di Pisa era già chiusa da tempo e ha mantenuto negli ultimi mesi il solo servizio del prestito e restituzione su appuntamento. Attualmente gli orari possibili per le prenotazioni sono dal lunedì al venerdì dalle 9.30 alle 13 e il martedì e giovedì anche dalle 14.30 alle 16, creando disagi per gli utenti che lavorano e non solo. Le carenze di personale, che già affliggevano la Biblioteca, non possono giustificare, crediamo, né tantomeno spiegare un orario di apertura così ridotto; proprio in questo periodo così difficile, sarebbe importante che la 'voce' della biblioteca fosse più forte e più vicina ai suoi tanti e affezionati utenti". 

Sms Biblio: sospesi i prestiti per caso Covid fra il personale

"Altre biblioteche in Toscana non hanno mai cessato le proprie attività durante la pandemia - illustra Violo - per esempio, a Firenze, le biblioteche comunali si sono organizzate per un servizio di libri a domicilio oltre che d’asporto. Con la funzione 'Utente in linea' è possibile richiedere il prestito e concordare l’appuntamento per la consegna dei libri a casa . L’attività si avvale dell’apporto degli operatori delle cooperative di servizio e della messa a disposizione di un mezzo comunale per il trasporto. Il prestito a domicilio e da asporto sono soluzioni adottate in ottemperanza alle linee strategiche elaborate dal tavolo tecnico della Regione Toscana in collaborazione con i rappresentanti delle Reti bibliotecarie toscane".

"Le biblioteche civiche devono continuare a fornire un servizio essenziale di conoscenza, educazione, svago e studio in tutte le forme che la situazione attuale permette: i libri ci aiutano anche ad essere meno soli" è l'appello dell'associazione. "Chiediamo, quindi, di potenziare il prestito da asporto con l’allargamento dell’orario di apertura e con l’ampliamento del tempo a disposizione per i servizi telefonici; proponiamo, inoltre, la creazione di una chat online che funzioni anche il sabato per permettere agli utenti di confrontarsi con i bibliotecari, che possono consigliare e diventare professionalmente attivi. Infine, chiediamo, nel rispetto dei protocolli già esistenti, che la biblioteca possa avviare un servizio di consegna a domicilio nei modi e nelle forme da concordare con il personale della biblioteca. L’iniziativa dei libri a domicilio potrebbe, peraltro, diventare permanente per venire incontro a tutti gli utenti  'fragili' o con disabilità, che non hanno la possibilità di accedere facilmente alla biblioteca".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

  • Coronavirus in Toscana, oltre 1900 i nuovi contagi: calano i ricoveri

Torna su
PisaToday è in caricamento