Soccorso animali in difficoltà: "Molti comuni inadempienti rispetto alle normative in vigore"

La denuncia di Legambiente Pisa: "La legge regionale da anni affida ai comuni il servizio, ma gli enti non si sono ancora organizzati"

Molti comuni della provincia di Pisa sono "inadempienti" rispetto alle normative per il soccorso degli animali in diffocltà. E' quanto denuncia la sezione locale di Legambiente. "Da ormai venti anni - scrive in una nota l'associazione ambientalista - i nostri volontari soccorrono la fauna selvatica in difficoltà, uccelli e piccoli mammiferi, portandoli al centro di recupero della LIPU di Livorno dove sono curati e, se possibile, messi in libertà. Ogni anni sono molte centinaia gli animali soccorsi e recuperati. Nei primi mesi del 2020 i volontari sono già intervenuti direttamente per oltre 200 animali, mentre molti altri sono stati salvati grazie alla partecipazione dei cittadini. L’attività è impegnativa e appassionante, con spese considerevoli supportate tramite una convenzione con la Regione Toscana".

Dal 2018, tuttavia, la situazione è diventata "critica": "Secondo la delibera regionale n.148 - prosegue Legambiente Pisa - chi trovasse piccoli di uccelli e mammiferi dovrebbe consegnarli al Comune di competenza che, a sua volta, dovrebbe provvedere al recupero con proprio personale o tramite convenzione con ente di fiducia. Ma a oggi la quasi totalità dei Comuni della provincia di Pisa non ha organizzato questa attività. Nonostante ciò, i volontari delle varie associazioni continuano spesso a prendere in carico pulli e cuccioli, assumendosene responsabilità e spese, senza sostegno da parte delle istituzioni. L’alternativa sarebbe quella di lasciar morire questi animali, cosa inaccettabile non solo per dovere di coscienza ma anche per senso civico, essendo la fauna selvatica 'bene indisponibile dello Stato'".

Una situazione "insostenibile, anche economicamente. Si pensi, ad esempio, che le centinaia di pulli e cuccioli soccorsi da Legambiente Pisa e recuperati nella strutture del CRUMA della LIPU hanno bisogno di cure mediche somministrate da veterinari esperti. Legambiente Pisa ha chiesto a molti Comuni di comunicare come intendono assolvere a questo compito: potrebbe così collaborare dando indicazioni ai cittadini che trovassero l’animale in difficoltà. Purtroppo è ancora in attesa di risposta".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente stradale davanti allo stadio a Pontedera: muore 30enne

  • Covid a scuola: classi in quarantena nel pisano

  • Covid in classe: cinque nuovi casi nelle scuole di Pisa

  • Barman deceduto a Pontedera: annullata la Festa del Commercio

  • Coronavirus in Toscana, 90 casi in più: a Pisa 24 nuovi positivi

  • Mareggiata a Marina di Pisa: allagamenti e pietre sul lungomare

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento