Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca Volterra / Piazza Martiri della Libertà

Crollo dello sperone, il governatore Rossi: "Volterra non sarà lasciata sola"

Nel corso del sopralluogo il presidente della Regione Toscana ha annunciato un primo stanziamento di 3,3 milioni di euro. Il sindaco: "Fa piacere che il nostro appello sia stato raccolto. Premier Renzi venga a visitare la città"

Il presidente Rossi con il sindaco Buselli sul luogo del crollo (foto Gazzetta di Volterra)

"Volterra sta sulla Rocca, vederla sfaldarsi getta un'ombra di forte preoccupazione. Ma la Regione Toscana non lascia sola Volterra". Così si è espresso il presidente Enrico Rossi appena arrivato oggi pomeriggio nella città etrusca per verificare di persona la situazione dopo la seconda frana.

Il presidente Rossi ha visitato il sito del crollo dello sperone roccioso in piazza Martiri della Libertà e poi, nella sede del Comune, ha informato il sindaco Marco Buselli e le autorità locali di aver concordato telefonicamente con il ministro Franceschini e il prefetto Gabrielli un piano di intervento.

Il programma prevede una spesa di 6 milioni in totale per le due frane che hanno interessato la città. I primi 3,3 milioni , di cui 3 milioni della Regione Toscana e i 300 mila euro reperiti oggi dal Governo, verranno inseriti nella prima ordinanza già emessa relativa alle somme urgenze, quindi i lavori possono partire subito. Gli altri 2,7 milioni governativi verranno messi a disposizione con una seconda ordinanza della Protezione Civile.

Va ricordato che a Volterra è già in corso un intervento di somma urgenza per un milione di euro. Si sta anche predisponendo un check up completo della situazione delle mura in base a uno specifico protocollo che verrà messo a punto a breve e che stabilirà gli impegni di ciascun ente coinvolto. Sul monitoraggio la Regione Toscana ha già investito 100 mila euro. La Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra valuterà la possibilità di mettere a disposizione altri 200 mila euro per completare il lavoro.

"Come sindaco sono soddisfatto di questo primo risultato. Quando si lanciano gli appelli fa sempre piacere che vengano raccolti. Volterra in questo momento è l’emblema dell’Italia ferita e il fatto che sia venuto Enrico Rossi e che abbia deciso lo stanziamento di ulteriori risorse è sicuramente un fatto positivo - ha affermato nel corso della visita del governatore il sindaco Marco Buselli - anche il Governo, attraverso il ministro Dario Franceschini, mi ha promesso un rapido intervento attraverso lo stanziamento delle risorse necessarie. Sempre nella giornata di oggi ho avuto un colloquio telefonico con il prefetto Franco Gabrielli che mi ha rassicurato sulla volontà di un intervento in tempi brevissimi".

"Ciò che adesso deve entrare prepotentemente nell’agenda di Governo, oltre alla copertura di queste due ferite che abbiamo, è la necessità di dare la possibilità ai Comuni di evitare che queste disgrazie possano accadere nuovamente - ha aggiunto il primo cittadino - l’invito pertanto che rivolgo al presidente Matteo Renzi è che un esponente del Governo quanto prima possa venire a Volterra per vedere di persona quello di cui i Comuni feriti e stremati come il nostro hanno bisogno".

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crollo dello sperone, il governatore Rossi: "Volterra non sarà lasciata sola"

PisaToday è in caricamento