Martedì, 21 Settembre 2021
Cronaca

Sospensione dei sanitari per mancato vaccino anti-Covid: 12 casi nell'ambito di Pisa

Si tratta di 7 infermieri, 2 medici e 3 tecnici sanitari. I dettagli della procedura dell'Asl Toscana nord ovest

L'Asl Toscana nord ovest ha diffuso con una nota il dettaglio dei ruoli e degli ambiti territoriali del primo contingente di 99 operatori sanitari a cui viene inviato in questi giorni un atto di accertamento che determinerà la sospensione immediata per inosservanza all’obbligo vaccinale. Si tratta di 58 infermieri, 17 medici, 3 ostetriche, 2 veterinari e 19 tecnici sanitari.

Nell'ambito di Pisa sono interessati dal provvedimento 12 persone: 7 infermieri, 2 medici, 3 tecnici sanitari. Questo il resto del conto: 38 operatori lavorano nell’ambito territoriale di Livorno  (24 infermieri, 8 medici, 1 ostetrica, 1 veterinario e 4 tecnici sanitari); 22 operano nell’ambito di Massa Carrara (10 infermieri, 5 medici, 2 ostetriche, 1 veterinario e 4 tecnici sanitari); 15 nell’ambito di Lucca (7 infermieri, 2 medici e 6 tecnici sanitari); 12 nell’ambito di Pisa (7 infermieri, 2 medici, 3 tecnici sanitari); 12 anche nell’ambito della Versilia (10 infermieri e 2 tecnici sanitari).

I dati sono comunque in continuo movimento perché risulta, ad esempio, che alcuni di questi 99 operatori nelle ultime ore si siano vaccinati, interrompendo così la procedura di sospensione, una conseguenza obbligata dell’attuazione dal decreto legge 44/21."La situazione nei singoli territori è stata comunicata alle organizzazioni sindacali - specifica l'azienda - che sono sempre state informate delle varie fasi del percorso, in un’ottica di trasparenza e di collaborazione, data la complessità e le peculiarità della procedura in atto, indicata dal legislatore". La comunicazione di accertamento dell’inosservanza dell’obbligo vaccinale è stata inviata dall’Asl Toscana nord ovest non solo ai propri dipendenti, ma complessivamente a circa 1.400 operatori della sanità che risiedono sul territorio aziendale e che lavorano in aziende sanitarie pubbliche e private (anche di altri territori) e contestualmente indirizzata anche agli Ordini professionali e al datore di lavoro della persona interessata.

La procedura presenta anche delle complessità, sottolinea l'Asl: "Si ribadisce la complessità del percorso partito nei mesi scorsi con l’invio da parte degli ordini professionali e dei datori di lavoro alla Regione Toscana di tutti i loro iscritti e dipendenti, cui ha fatto seguito la verifica dello stato vaccinale e quindi l’invio alle Asl dell’elenco dei soggetti che risultavano non vaccinati. In questa fase alcune difficoltà sono state legate alla necessità di revisione di elenchi non sempre completi di indirizzo preciso, al quale inviare la lettera, e dell’indicazione del datore di lavoro, altra informazione necessaria per l’attuazione della procedura. In una prima nota le Aziende sanitarie hanno invitato l’interessato a produrre la documentazione comprovante l’avvenuta vaccinazione o i motivi che la impedivano. Successivamente gli hanno richiesto in maniera formale di sottoporsi alla somministrazione del vaccino. Decorsi i termini di questo secondo avviso, le Asl hanno accertato l’inosservanza dell’obbligo vaccinale e hanno adottato l’atto di accertamento. Tutte queste comunicazioni ai non vaccinati sono state recapitate per pec o, se non possibile, per raccomandata con ricevuta di ritorno (nel secondo caso con conseguente allungamento dei tempi). Per coloro che hanno risposto ai solleciti sono tuttora in corso da parte dell’Asl le verifiche della documentazione trasmessa per valutare i motivi addotti in merito alla mancata vaccinazione".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sospensione dei sanitari per mancato vaccino anti-Covid: 12 casi nell'ambito di Pisa

PisaToday è in caricamento