menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La Provincia di Pisa a sostegno della proposta di legge contro il sessismo promossa dalla Rete Ready

L’ordine del giorno è frutto di un lavoro congiunto di un gruppo interno alla Rete READY ed è stato condiviso e discusso con le realtà aderenti al Tavolo nazionale LGBT

La Provincia di Pisa aderisce all’azione a sostegno della proposta di legge contro sessismo, omofobia, lebosfobia, bifobia e transfobia promossa dalla Rete Ready, la Rete italiana delle Regioni, Province Autonome ed Enti Locali impegnati per prevenire, contrastare e superare le discriminazioni per orientamento sessuale e identità di genere, di cui l’ente provinciale fa parte.
Ad iniziare dal 1° ottobre, le realtà aderenti alla rete Ready, infatti, possono presentare nei rispettivi consigli un identico ordine del giorno (o un emendamento a eventuali atti già depositati) a sostegno della Legge.

L’ordine del giorno è frutto di un lavoro congiunto di un gruppo interno alla Rete READY ed è stato condiviso e discusso con le realtà aderenti al Tavolo nazionale LGBT recentemente istituito presso l’UNAR. Esso supporta l’adozione del testo unificato adottato dalla Commissione Giustizia il 14 luglio e riunisce gli enti locali ad un’azione di advocacy nei confronti delle istituzioni nazionali, primi fra tutti il presidente della Camera dei Deputati e la presidente del Senato della Repubblica.

“Al momento, hanno già dichiarato la loro intenzione di aderire all’iniziativa della READY 40 fra Comuni, Città Metropolitane e Regioni. A queste ben presto si aggiungerà la Provincia di Pisa, non appena il documento approderà in Consiglio Provinciale e sarà approvato dall’organo consiliare” afferma il presidente della Provincia Massimiliano Angori.
“Gli enti locali, in quanto enti più vicini a cittadini e cittadine, conoscono i loro territori e sanno quanto l’omofobia, la lesbofobia, la bifobia e la transfobia, assieme al sessismo, sono purtroppo presenti nelle nostre comunità. E proprio dalle istituzioni più vicine al territorio, che devono rimanere in costante ascolto dei rispettivi cittadini e delle comunità,  è importante che si elevino iniziative come queste, a sostegno di una società più giusta e più equa, che tenga conto dei diritti di ciascuno” aggiunge la consigliera provinciale con delega alle Pari Opportunità Olivia Picchi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Covid, la Toscana passa in zona arancione

  • Eventi

    I film in uscita ad aprile su Amazon Prime Video

Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento