Cronaca Centro Storico / Piazza Sant' Antonio

Piazza Sant'Antonio, spaccio colto sul fatto: arrestati

In manette sono finite due vecchie conoscenze delle forze dell'ordine. Per loro è stata disposta l'espulsione

Spaccio in pieno giorno in Piazza Sant'Antonio. E' il contesto di un'operazione della Squadra Mobile di Pisa che ha portato, ieri 2 settembre, all'arresto di due persone, stranieri risultati irregolari sul territorio nazionale: un 20enne gambiano ed un 30enne tunisino. Le accuse sono rispettivamente di detenzione con finalità di spaccio di sostanza stupefacente e immigrazione clandestina. Ad essere particolare è poi la storia dei due personaggi, vecchie conoscenze delle forze di polizia.

Gli agenti avevano avviato un appostamento nella zona intorno alle 10 di mattina, zona che da qualche tempo è diventata un baricentro dello spaccio prima concentrato nell'area della stazione. Dopo alcune ore hanno notato l'arrivo di uno straniero di nazionalità centrafricana che, una volta parcheggiata la bicicletta, ha gettato a terra un fazzoletto di carta, per poi posizionarsi all'ombra di un albero al di sopra di un muretto. Poco dopo è sopraggiunto l'altro ragazzo ed i due hanno iniziato a parlare animatamente. E' apparsa chiara la trattativa in corso agli agenti, culminata con il passaggio di 20 euro dall'ultimo arrivato al primo.

La dinamica si è quindi conclusa con l'ultimo atto: chi aveva buttato a terra il fazzoletto è tornato sui suoi passi e lo ha raccolto, estraendone un involucro contenete hashish. Lo ha morso, dividendo così la dose da consegnare al compratore. Una volta concluso lo scambio è scattato il blitz della Mobile insieme alla Squadra Volante. Nella tasca dell'acquirente gli agenti hanno trovato una dose di hashish pari a 2 grammi, mentre l'involucro conteneva 15 grammi. Il pusher aveva banconote in vari tagli per l'importo di 160 euro.

polizia3-2

I problemi con la giustizia dei due arrestati sono di lunga data. L'accusato di spaccio era già stato arrestato nell'ambito dell'operazione 'Cavalieri 2018' condotta dalla Squadra Mobile pisana, che aveva portato all'arresto di 27 persone in zona stazione. Nello specifico il 20enne gambiano si era reso responsabile, tra novembre e dicembre scorso, di 7 cessioni di sostanze stupefacente tutte commesse in quei luoghi. Anche l’acquirente era già un soggetto noto: con precedenti per spaccio, reati contro la persona e reati contro il patrimonio, il 30enne tunisino a luglio del 2018 era stato accompagnato dalla Questura di Pisa presso il centro di permanenza e rimpatrio di Brindisi. Da Brindisi, ad ottobre 2018, era stato accompagnato prima a Bari e poi a Palermo, da dove poi era stato imbarcato su un volo charter organizzato dal Ministero dell'Interno diretto a Tunisi, per poi fare rientro in Italia clandestinamente. E' stato quindi tratto in arresto per il reato di reingresso clandestino sul territorio nazionale.

Il pubblico ministero di turno ha disposto per entrambi il rito direttissimo. Questa mattina il giudice ha convalidato gli arresti, emettendo per entrambi il nulla osta all'espulsione. I due sono stati riportati in Questura, dove sono stati nuovamente sottoposti a provvedimento di espulsione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Piazza Sant'Antonio, spaccio colto sul fatto: arrestati

PisaToday è in caricamento