menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Emergenza Coronavirus: a Pisa gli 'angeli' della spesa a domicilio per i più fragili

Anziani e malati possono ricevere un valido aiuto grazie a gruppi e associazioni che hanno organizzato il servizio domiciliare

Anziani o persone con problemi di salute sono quelle più fragili e che devono dunque essere protette il più possibile in questa emergenza Coronavirus. Proprio per tutelare i più a rischio anche a Pisa si è messa in moto la catena della solidarietà per offrire un aiuto.

Per ora sono quindici, ma potrebbero diventare di più nei prossimi giorni, medici, specializzandi e studenti medicina uniti dalla volontà di dare il loro contributo per ridurre la diffusione del Coronavirus consegnando appunto la spesa a casa dei soggetti più esposti. Da martedì si sono già costituiti nell’associazione 'La Spesa Sicura' e hanno ottenuto anche il patrocinio della Società della Salute della Zona Pisana: sono pronti a entrare in azione, ovviamente in modo del tutto gratuito e in forma di volontariato.
“La riduzione del numero dei contagiati  - spiegano - è possibile mediante l’annullamento di eventi pubblici e la tutela delle fasce più a rischio di ammalarsi, anche di polmonite grave”. E’ proprio a loro, infatti, che è rivolta l’iniziativa, ossia ad anziani, disabili e persone in condizione di comorbidità (perché, ad esempio, immunodepressi o in chemioterapia).

Tre i numeri telefono a disposizione (tutti i giorni dalle 17 alle 19): 339.2273751 (dottor Francesco Galli, medicina interna AOUP), 347.9969389 (Paolo Tosone, medico in formazione AOUP) e 388.1698038 (Antonio Maglio, medico in formazione AOUP). “La tracciabilità delle operazioni - dicono i promotori - sarà sempre assicurata in maniera nominale e mediante il rilascio dello scontrino fiscale da parte dell’esercente”.

'La Spesa Sicura' opererà in coordinamento con l’associazione 'Sguardo di Vicinato', già impegnata in un servizio dello stesso tipo a Pisa e dintorni da un paio di giorni, anch’essa con il patrocinio della SdS Pisana e che ha messo a disposizione due numeri di telefono (377.1452217 Alessandra Orlanza, presidente dell’associazione e 320.8166698 dalle 10 alle 19, Niko Pasculli, volontario dalle 17 alle 19).

Un servizio analogo è svolto anche dall’associazione 'Cecchini Cuore' con sette numeri di telefono a disposizione. Il coordinamento è curato da Maurizio Cecchini (338.7228610). Gli altri sei contatti sono i seguenti: 334.1008959 (Diego) per il territorio di Pisa;  348.4722674 (Letizia per San Piero a Grado); 331 2253082 (Antonio)377.1162691 (Martina) e  346 6289719 (Silvia) per la zona di Cascina, Navacchio e San Prospero; 320.4192007 (Alberto) per l’area di Migliarino e Vecchiano; 348.2352952 (Paola) per Avane e Filettole e 342.8602303 (Fabrizio) per Lucca.

A Pisa, nel quartiere de I Passi, invece, sono attivi i volontari del Comitato de 'I Passi' (tel.349.1134210).

Servizio simile istituito dalla Croce Rossa di Uliveto Terme, nel comune di Vicopisano. “Tu stai a casa e la spesa e i farmaci te li portiamo noi. Il tempo della gentilezza è ora". E' questo il motto. Basta chiamare il numero della Croce Rossa di Uliveto Terme 050/788222. "Faremo l’impossibile per aiutare le persone più fragili in questo periodo. Tra le tante attività e operazioni in cui siamo impegnati, i volontari sono pronti per portare spesa e farmaci a domicilio. L’importante è, però, che tutti a Vicopisano capiscano in queste ore che bisogna seguire le regole e stare il più possibile a casa. E’ anche questo un modo per proteggere sè stessi e aiutare i nostri anziani” dice in una nota Filippo Pellegrini, presidente della Croce Rossa di Uliveto Terme.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Svago: 5 film in uscita su Amazon Prime Video a marzo

Attualità

Svago: 5 film in uscita su Netflix a marzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Svago: 5 film in uscita su Netflix a marzo

  • Attualità

    Svago: 5 film in uscita su Amazon Prime Video a marzo

Torna su

Canali

PisaToday è in caricamento