Coronavirus: anche Arci Pisa in campo per consegnare spesa e farmaci a domicilio

Previste anche iniziative di promozione della cultura attraverso gli strumenti web

Si chiama #ResistenzaVirale - #iorestoacasa ed è l'iniziativa lanciata da Arci Pisa per promuovere l’attività di consegna a domicilio di beni alimentari e farmaci in tutta la città. "Le nostre volontarie e i nostri volontari - spiega in una nota l'associazione - saranno distribuiti su tutta la città e faranno gratuitamente consegne a domicilio".

Chiunque ne avesse bisogno potrà chiamare i seguenti numeri dalle 17 alle 20:

  • Zona Centro Città: Simone 3927188941
  • Zona Cep, Barbaricina, San Rossore: Maria Grazia 3280254173
  • Zona Putignano, S. Ermete, Ospedaletto: Marion 3338268146
  • Zona S. Piero, La Vettola, Porta a Mare: Alberto 3384251882

"Come cittadine e cittadini - proseggue Arci Pisa - stiamo vivendo una situazione mai accaduta prima. La socialità, l’animazione dei territori, la missione principale della nostra associazione in questi giorni è quindi fortemente limitata. Ma questo non può voler dire che ci vogliamo arrendere, e abdicare al nostro ruolo, quello di un’associazione culturale che crede nei valori della solidarietà e della diffusione della cultura come fondamentali e necessari per la crescita di ognuno di noi e per il futuro del nostro Paese. Crediamo che, in questi giorni di forzata sospensione, la nostra associazione (e in molti lo stanno già facendo con coraggio e determinazione) possa mettere in campo una sorta di 'resistenza' alla passività e alla rassegnazione, attraverso azioni concrete di solidarietà e vicinanza nei confronti dei cittadini, e attraverso l’azione costante di diffusione di cultura, di emozioni e di curiosità".

"Vogliamo combattere la solitudine, oggi più che mai, e il possibile isolamento in cui le persone si sono venute improvvisamente a trovare. Daremo voce a tanta parte del mondo culturale italiano che in questi giorni, attraverso gli strumenti del web, sta regalando la propria creatività e la propria produzione a chi resta responsabilmente a casa. Così come promuoveremo le tante iniziative di corsi, formazione, protagonismo di singoli messo a disposizione di tanti altri, che in queste ore attraversano i social e che potrete trovare sui nostri canali. Vogliamo valorizzare le tante iniziative di vicinanza ai cittadini più deboli e fragili che i nostri circoli stanno mettendo in campo".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana: quasi 1900 nuovi casi e 44 decessi

  • Positivo al Covid si barrica nella stanza dell'ospedale Cisanello

  • Toscana zona rossa, la denuncia di Confesercenti: "Concorrenza sleale della grande distribuzione"

  • Coronavirus in Toscana: 2.200 casi, 48 decessi

  • Coronavirus in Toscana, calano i nuovi positivi: sono 1972

  • Coronavirus in Toscana, oltre 1900 i nuovi contagi: calano i ricoveri

Torna su
PisaToday è in caricamento