"Chi può metta. Chi non può prenda": anche a Vecchiano arriva la Spesa Sospesa

Il sindaco Massimiliano Angori: "Una bella iniziativa che sul nostro territorio è in realtà una tradizione"

Foto d'archivio

"Chi può metta. Chi non può prenda". Arriva anche a Vecchiano la Spesa Sospesa. Lo rende noto la stessa amministrazione comunale. "Si tratta di un’iniziativa - afferma il sindaco Massimiliano Angori - nata spontaneamente sul nostro territorio in tempi non di emergenza, dove già alcuni negozi, a fine giornata, lasciavano il pane non venduto in un punto concordato e poi chi aveva bisogno lo poteva prendere. Oggi questo gesto spontaneo, si trasforma, per tanti, in un aiuto concreto vista la stringente necessità, ma non perde discrezione e gentilezza".

Con la collaborazione di Caritas e del Volontariato vincenziano, delle associazioni di Protezione Civile attive nella consegna della spesa a domicilio, e delle associazioni della Consulta comunale del volontariato, la Spesa Sospesa diventa un’altra forma di solidarietà della  comunità vecchianese. Una spesa sospesa per aiutare tante famiglie che a seguito di questa emergenza si sono trovate a vivere la loro vita col fiato sospeso.

L’iniziativa parte dalla Conad City di Migliarino, ma ben presto hanno aderito la Fattoria di Migliarino nella Tenuta Salviati, la bottega alimentari 'Giangrande' di Nodica, e quella di 'Sabrina' in Avane, il punto Crai di Filettole."Un’adesione - fanno sapere dalla Giunta di Vecchiano - che cresce senza pubblicità, ma grazie a sentimenti di gratitudine e di vicinanza: infatti anche dalle telefonate per la spesa a domicilio arrivano le spese sospese per inserirsi nella catena dei gesti solidali, per essere parte di un girotondo di mani che, virtualmente, sono la testimonianza concreta di tanta solidarietà nella nostra comunità, che va oltre l’isolamento fisico e sociale di questo periodo".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Come funziona

Chi va a fare la spesa, e vuole fare la sua parte per persone in situazione di indigenza, può comprare i prodotti e lasciarli in una scatola o una cesta dentro o fuori dai negozi; beni non deperibili, scatolame, pasta, olio, riso, latte a lunga conservazione, biscotti, ma anche prodotti per l’igiene personale, detersivi, omogenizzati, pannolini. Gli esercenti commerciali che vogliono aderire possono mettersi in contatto con una delle associazioni di volontariato presenti sul territorio di Vecchiano, mettano una cesta con un cartello identificativo della Spesa Sospesa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali a Cascina: è ballottaggio tra Betti e Cosentini

  • Incidente stradale davanti allo stadio a Pontedera: muore 30enne

  • Elezioni Regionali, Ceccardi sconfitta anche nella sua Cascina

  • Covid a scuola: classi in quarantena nel pisano

  • Barman deceduto a Pontedera: annullata la Festa del Commercio

  • Coronavirus in Toscana, 90 casi in più: a Pisa 24 nuovi positivi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento