Stato di agitazione all'anagrafe, Diritti in Comune: "Al fianco dei lavoratori"

Il gruppo consiliare di Ciccio Auletta sostiene la protesta dei dipendenti comunali che denunciano criticità nei servizi e nell'organizzazione

"Sosteniamo lo stato di agitazione di lavoratori e lavoratrici dell'anagrafe, dello stato civile e degli uffici decentrati indetto dalla Rsu del Comune di Pisa e da tutte le organizzazioni sindacali, contro le politiche di questa amministrazione". Ad intervenire sulla protesta dei dipendenti comunali è il gruppo consiliare di Diritti in Comune.
"Si tratta di una denuncia importante e grave sulle condizioni di sicurezza in cui si trovano lavoratori e lavoratrici. Una denuncia da troppo tempo inascoltata, con pesanti responsabilità non solo dell'assessore competente, in cui si evidenzia una gestione della organizzazione del lavoro che non risponde alle richieste di buon senso avanzate da dipendenti e sindacati. Nessun investimento, nessuna innovazione tecnologica dei servizi, ai lavoratori si chiede senza nessun tipo di coinvolgimento - sottolineano dal gruppo consiliare - nel mese di febbraio avevamo già sollevato, con una interpellanza, la questione della gravissima carenza di organico, anche per gli uffici decentrati, senza ricevere risposta. Ci troviamo davanti ad un piano del personale assolutamente inadeguato, in cui nei fatti non si garantiscono molti servizi, ma si concentrano quasi tutte le risorse solo sulla Polizia municipale. Gli uffici decentrati delle ex circoscrizioni sono dei presidi fondamentali per i cittadini, su cui questa amministrazione non sta facendo alcun investimento".
"Da parte nostra porteremo la questione in Consiglio comunale, affinché lavoratrici e lavoratori siano pienamente tutelati e i servizi siano garantiti al meglio a cittadini e cittadine, tenendo conto delle difficoltà date dall'emergenza" concludono da Diritti in Comune.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Giani annuncia: "Dal 4 dicembre Toscana zona arancione"

  • Coronavirus, il governatore Giani: "Nei prossimi giorni chiederemo di tornare in zona arancione"

  • Commercio in lutto: se ne va Gisberto Moisè, storico pizzaiolo pisano

  • Più spostamenti in un comune diverso: ordinanza regionale in vista della zona arancione

  • Lutto nel commercio pisano: addio a Roberto Salvini, titolare del bar alle Piagge

  • Toscana zona rossa, scende l'indice Rt: "Zona gialla prima di Natale"

Torna su
PisaToday è in caricamento