Stazione Leopolda: "Dal Comune accanimento nei nostri confronti"

L'Associazione: "Abbiamo chiesto una riduzione del canone di affitto ma ci è stata negata"

"Abbiamo chiesto una riduzione del canone di affitto al Comune a seguito dell'emergenza sanitaria. Ma ci è stata negata". E' quanto afferma in una nota l'associazioni Casa della Città Leopolda. "Dopo aver saldato quanto dovuto al comune per gli anni 2018 e 2019 - si legge nella nota - abbiamo chiesto una riduzione dell’affitto 2020 a causa dell’emergenza sanitaria. Le misure di contenimento del virus Covid-19 hanno infatti condotto alla chiusura della Leopolda e alla cancellazione dell’intera programmazione del 2020. Soltanto alcune attività sono riprese alla fine del mese di settembre, per lo più iniziative promosse dal tessuto associativo e dagli istituti scolastici, che hanno bisogno di spazi che consentano il rispetto delle norme di sicurezza. Gli eventi in grado di generare un ricavo economico significativo non sono invece compatibili con l’attuale situazione epidemiologica: in Toscana, come nell’intera penisola, tutti i principali eventi 2020 sono stati annullati. Da qui la richiesta di una riduzione del canone di affitto: una cifra di oltre 100 mila euro è particolarmente elevata in questo contesto".

Il Comune di Pisa avrebbe però negato la richiesta attraverso il dirigente della direzione patrimonio "sostenendo che la delibera adottata dalla Giunta Comunale nel mese di aprile 2020, con cui è stata accordata una riduzione degli affitti versati dai soggetti che occupano immobili comunali, è applicabile solo alle attività commerciali. In una nota successiva - prosegue l'associazione - abbiamo voluto evidenziare "il palese contrasto con i principi di equità che sta alla base di una distinzione tra attività commerciali, ammesse alla riduzione del canone, e attività con prevalenti finalità sociali, escluse dal beneficio'. Del resto la Convenzione per la gestione della Leopolda prevede lo svolgimento di attività commerciali. All’art. 8 questa recita 'Il concessionario può effettuare anche attività di tipo commerciale, purché compatibili con il profilo culturale e sociale del complesso'".

Nell’ultima replica, inviata lunedì 5 ottobre, il Comune di Pisa avrebbe però confermato "il non accoglimento dell’istanza considerato che l’attività commerciale svolta dalla Leopolda è finalizzata alle finalità sociali e che proprio in funzione di tali finalità culturali e sociali l’associazione ha beneficiato di contributi previsti per l’associazionismo' come i contributi erogati dal Comune di Pisa per consentire alla Leopolda di sostenere l’affitto della struttura, che però, come è noto, la Giunta Conti ha voluto tagliare fin dal suo insediamento. È particolarmente triste vedere l’accanimento da parte dell’amministrazione comunale nei confronti delle Associazioni che animano la Leopolda anche in un momento drammatico come quello che tutti cittadini e tutte le realtà stanno vivendo nel Paese, a causa del virus".

Rispetto alla proposta del Comune di Pisa di trasferire le attività associative al centro SMS "molte associazioni - conclude la nota - ritengono da tempo gli spazi del centro SMS inadeguati alle attività che realizzano, soprattutto per quanto riguarda i corsi di danza e le attività con i bambini e i disabili, e stanno iniziando a cercare spazi alternativi. In questo momento così delicato, il Comune di Pisa non offre alcun tipo di risposta e di aiuto alle associazioni che in questo momento più che amai avrebbero bisogno di trovare le condizioni per contribuire alla ripresa socio-culturale della città".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si diplomano e vengono assunti nell'azienda dei loro sogni

  • Coronavirus in Toscana, sfondata quota mille: sono 1145 i nuovi positivi

  • Un lockdown "morbido" tra dieci giorni e l'ipotesi coprifuoco alle 21 in tutta Italia

  • Coronavirus in Toscana: 812 nuovi positivi, 108 a Pisa

  • Positivo al Coronavirus fermato sul treno a Pisa: convoglio sanificato

  • Coronavirus in Toscana, 1290 nuovi casi e 8 decessi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento