rotate-mobile
Cronaca Centro Storico / Viale Antonio Gramsci

Zona stazione, via ai lavori di riasfaltatura di Viale Gramsci: previste modifiche al traffico

L'intervento, per un investimento di 70mila euro, permetterà di riorganizzare anche la sosta e il transito veicolare. Intanto è caccia ai finanziamenti per realizzare il 'Progetto Stazione': serve un milione di euro

Partiranno domani, giovedì 14 luglio, i lavori di riasfaltatura di Viale Gramsci. L'intervento, per un investimento di circa 70mila euro, durerà una decina di giorni e prevede, oltre alla realizzazione di un nuovo manto stradale, anche la riorganizzazione della sosta e del transito veicolare e la riattivazione del semaforo a chiamata all'incrocio tra Piazza Vittorio Emanuele e viale Bonaini, e a quello tra Piazza Vittorio Emanuele e via Battisti. "Aspettando i finanziamenti per il progetto definitivo sulla zona stazione - spiega il sindaco, Marco Filippeschi - non potevamo lasciare il manto stradale nella situazione in cui è ora. Oltre alla riasfaltatura e alla riorganizzazione dei parcheggi continuiamo inoltre con le iniziative per la lotta al degrado e per garantire più sicurezza ai cittadini".

VIALE GRAMSCI. L'intervento fa parte del piano per la manutenzione delle strade e dei marciapiedi cittadini del Comune, già iniziato con interventi sul litorale e nei quartieri e che proseguirà nei prossimi mesi in tutta la città per un totale di oltre 3 milioni di euro di investimento. "I lavori - dice Fabrizio Cerri, amministratore unico di Pisamo - consentiranno di facilitare sia i controlli delle forze dell’ordine sia le manovre degli autisti dei bus perché le fermate si concentreranno da un lato con lo spostamento degli stalli dei ciclomotori". In particolare sul lato ovest (direzione da piazza Vittorio Emanuele alla stazione) saranno disegnati 12 stalli blu e 2 stalli per disabili, mentre sul lato est ci saranno 40 stalli per motocicli (21 in più di ora), la fermata sia dei bus Ctt che di quelli Ikea, uno stallo per il carico e lo scarico di merci e l’attraversamento pedonale. Nel periodo dei lavori, che salvo imprevisti si concluderanno entro il 22 luglio, sono previsti su Viale Gramsci divieto di sosta e restringimento della carreggiata secondo lo stato d’avanzamento del cantiere mobile.

SICUREZZA E LOTTA AL DEGRADO. Parallelamente il Comune sta portando avanti una serie di iniziative per migliorare la sicurezza e il decordo dell'area. Da un lato si sta definendo il testo di comodato tra Centostazioni e Comune per realizzare un presidio di polizia fisso vicino all'ingresso del Dlf. Il comune investirà 19mila euro per mettere a disposizione di tutte le forze di polizia operanti in piazza della Stazione un locale che prevederà anche una postazione 'citofonica' esterna con collegamento diretto alla sala operativa della Questura. L'obiettivo è quello di rendere operativo il presidio entro il mese di ottobre.

L'Amministrazione sta inoltre lavorando insieme a Pisamo, Ferrovie e Pisa Mover, per la realizzazione di un sistema di videosorveglianza congiunta che andrà a 'coprire' l’area d’arrivo del Pisa Mover, al binario 14. Il piano, una volta redatto, verrà sottoposto alla Prefettura per la condivisione con le Forze dell’Ordine. Per la stagione estiva è stata poi predisposta, tutti i giorni dal lunedì al sabato, la presenza permanente di 8 unità tra Esercito, Polizia di Stato e Carabinieri, a presidiare l'area esterna della stazione, mentre all'interno continueranno  ad operare gli agenti della Polfer. Il 18 luglio inizieranno infine i lavori per la messa in sicurezza dell'immobile ex Omv di via Sant'Agostino, già 'teatro' di intrusioni, occupazioni ed attività illecite.

PROGETTO STAZIONE. Il Comune è intanto a caccia di finanziamenti per realizzare il progetto complessivo di riqualificazione della zona. "Serve circa un milione di euro - dice l'assessore ai Lavori Pubblici, Andrea Serfogli - al momento rimane in campo l’ipotesi del contributo regionale. Inoltre abbiamo inserito inserito questo progetto nel più ampio progetto di riqualificazione del quartiere di San Giusto, dietro alla ferrovia, per concorrere così ai finanziamenti nazionali del 'Piano periferie degradate'".

POTENZIAMENTO ATTIVITA' AL DLF. Con il progetto 'Dlf: cantieri interculturali per una città inclusiva', una serie di associazioni pisane mirano infine ad incrementare le attività culturali e sociali del Dopolavoro Ferroviario. Il progetto ha già superato la prima selezione della call 'Culturability - Rigenerare spazi da condividere', promossa dalla Fondazione Unipolis, ed è stato selezionato tra i 15 finalisti tra oltre 500 proposte.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zona stazione, via ai lavori di riasfaltatura di Viale Gramsci: previste modifiche al traffico

PisaToday è in caricamento