Cronaca

Stella d'oro al merito sportivo del Coni al prefetto Francesco Tagliente

Martedì nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio il prefetto di Pisa ha ricevuto il prestigioso riconoscimento dalle mani del presidente del Coni Giovanni Malagò. A 16 anni Tagliente iniziò la sua avventura di atleta nella lotta greco-romana

Malagò consegna la Stella d'oro al prefetto

Con una cerimonia organizzata nel Salone dei Cinquecento di Palazzo Vecchio Francesco Tagliente ha ricevuto la 'Stella d’Oro al Merito Sportivo' direttamente dalle mani del presidente del Coni Giovanni Malagò.
Ad assistere alla cerimonia di consegna dell’onorificenza sportiva vi erano numerose autorità fiorentine e i vertici del mondo dello sport, nonché circa 400 ragazzi delle scuole di Firenze e provincia.

Chiamato a rivolgere il saluto di rito, Tagliente ha voluto ringraziare il sindaco del capoluogo toscano Matteo Renzi, 'padrone di casa', e a seguire gli altri rappresentanti del mondo delle istituzioni e dell’associazionismo presenti, tra cui i vertici della Federazione Italiana di Atletica Leggera, organizzatori della cerimonia.

Gratitudine per l’emozionante riconoscimento è stata dunque rivolta al presidente del Coni Malagò, che - ha detto Tagliente - “mi ha regalato l’opportunità di vivere un così esaltante momento del mio percorso umano e professionale condividendolo con tanti compagni di viaggio, non solo del mondo dello sport.

Dopo i saluti il suo pensiero è andato ai ragazzi: “Dedico questa 'stella' ai giovani - ha concluso Tagliente - ai quali voglio ricordare che lo sport, insieme alla famiglia e alla scuola, contribuisce a rafforzare la personalità, sviluppando anche potenzialità come l'autostima, la motivazione e la sicurezza. Le discipline sportive - ha precisato - soprattutto quelle individuali, permettono infatti di avere maggiore consapevolezza di sé, delle proprie capacità e abilità, rafforzando la propensione individuale a mettersi continuamente alla prova, rispettando se stessi, gli altri, soprattutto gli avversari, e le regole”.

PERCHE' IL RICONOSCIMENTO. Il legame del prefetto Tagliente con lo sport prende il via quando sedicenne iniziò la sua avventura di atleta di lotta greco-romana gareggiando con la società sportiva dei vigili del fuoco di Taranto per passare alle Fiamme Oro e diventare 'azzurro'. Nel corso della sua carriera da funzionario di Polizia dal 2000 al 2006 è stato capo dell'ufficio ordine pubblico del ministero dell'Interno e presidente dell'Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive. In occasione dei campionati del mondo di calcio in Germania è stato anche responsabile della sicurezza della Nazionale di calcio (al termine del quale ricevette anche la medaglia d'oro della Fifa), ruolo ricoperto anche ai Mondiali del 2002 e agli Europei del 2004. Ha gestito inoltre la sicurezza delle Olimpiadi invernali di Torino 2006, anno in cui è diventato questore di Firenze per essere poi nominato, nel 2010, questore di Roma. Dall'anno scorso è prefetto di Pisa.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stella d'oro al merito sportivo del Coni al prefetto Francesco Tagliente

PisaToday è in caricamento