Coronavirus e movida: steward e controlli estesi fino a notte inoltrata

Sono le decisioni assunte giovedì dal Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica che si è svolto in Prefettura

Controlli rafforzati ed estesi fino a notte inoltrata e utilizzo degli steward. Sono le novità emerse ieri, 4 gugno, nel corso del Comitato provinciale per l'ordine e la sicurezza pubblica, convocata dal Prefetto di Pisa, Giuseppe Castaldo, sul tema dei controlli delle aree del centro storico durante le ore serali del fine settimana. Presenti alla riunione l’assessore alla Sicurezza del Comune di Pisa, Giovanna Bonanno, il vicepresidente della Provincia di Pisa, Dario Carmassi e i vertici provinciali delle Forze di Polizia, oltre ai vertici di Concommercio, Confesercenti e Cna.

"Per far fonte alla situazione attuale - ha sottolineato il Prefetto - occorre contemperare il primario interesse alla tutela della salute pubblica, l’imprescindibile ripresa delle attività economiche e le esigenze di socialità, alla luce dei dati sulla diffusione del Covid 19 e dei risultati finora ottenuti". Verranno quindi intensificati, anche negli orari più tardi, i controlli sul territorio, i servizi anti assembramento e i servizi investigativi di contrasto ai fenomeni di spaccio. Rafforzato anche il contributo della Polizia locale, specie nella lotta ai fenomeni di vendita abusiva di alcolici; l’attività degli operatori delle Forze dell’ordine potrà giovarsi anche dell’apporto di un primo contingente di steward.

Nella giornata di oggi, 5 giugno, si svolgerà inoltre un tavolo in Comune con le associazioni di categoria "per acquisire ogni utile contributo" che verrà poi valutati dal Comitato Provinciale Ordine e Sicurezza Pubblica.

A chiedere "un giro di vite" sugli abusivi e sui fenomeni criminali è Cna Pisa che si dice "soddisfatta per l'apertura di un tavolo permanente". "Occorre cogliere le opportunità del provvedimento del Comune per ampliare spazi all’aperto di bar e ristoranti, ovunque sia possibile, soprattutto per le zone della movida" sottolinea in una nota l'associazione di categoria che evidenzia come "le imprese del food and beverage abbiano accolto con responsabilità il divieto di asporto per bevande alcoliche, anche se dovrebbero poter essere valutate diversamente le posizioni di chi inserisce una bottiglia di vino nel pacco da asporto che contiene una cena, da chi vende solo alcolici senza offrire né servizio di somministrazione, nè servizio al tavolo".

"Inoltre - fa notare Luca Croce di Cna Horeca - sarebbe opportuno posticipare la chiusura dei locali fino all'una di notte durante la settimana e fino all'1.30nel fine settimana e concedere, dopo la chiusura, almeno un’ora per le pulizie. Infine se è da accogliere con favore la novità degli steward privati che possono aiutare nel mantenimento delle condizioni di sicurezza. non ci si può attendere che a pensarci sia il singolo commerciante quando non ha tempo e personale per gestire l'emergenza".

"La nostra richiesta, purtroppo non assecondata dalle altre associazioni di categoria presenti- affermano invece la presidente e il direttore di Confcommercio Pisa, Federica Grassini e Federico Pieragnoli - è stata quella di cancellare il divieto di vendita degli alcolici a partire dalla 19. Ci si accanisce ingiustamente contro le attività regolari di tutto il centro storico, mentre a qualche metro di distanza spaccio di droga e vendita di alcool abusivo si svolgono senza che nessuno intervenga. Quello che vediamo sistematicamente in piazza dei Cavalieri, sulle spallette, nei vicoli del centro storico, sotto i portici della stazione, oltre a costituire autentici assembramenti sono di fatto attività illegali che non debbono essere tollerate in alcun modo. A questo proposito - concludono - per mettere a fuoco gli interventi di contrasto alla vera illegalità abbiamo chiesto a forze di polizia e polizia municipale un report dettagliato che riporti controlli, sequestri, sanzioni e provvedimenti emanati ad attività di somministrazione, attività di vicinato, abusivi e illegali".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Toscana, nuovo picco: 2.765 positivi, 326 a Pisa

  • Coronavirus in Toscana: più di 1.800 i nuovi casi, 5 decessi a Pisa

  • Coronavirus in Toscana, casi positivi in aumento: superata quota 2mila in 24 ore

  • Cisanello, ambulanze in fila per l'area Covid: "In piena fase emergenziale, serve la collaborazione di tutti"

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Coronavirus in Toscana, quasi 2mila nuovi casi positivi nelle ultime 24 ore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento