Cronaca

Ponsacco: il maltempo ferma i lavori sull'argine collassato

Lo scorso 31 gennaio, dopo forti piogge, la sponda del fiume Era aveva ceduto causando così l'alluvione a Ponsacco. La nuova ondata di maltempo ha costretto a interrompere i lavori che saranno ripresi in queste ore

La forte ondata di maltempo di questi giorni, con il conseguente ingrossamento dei fiumi, ha costretto il Consorzio di Bonifica della Valdera a fermare i lavori lungo l'argine del fiume Era a Ponsacco. Nell'argine, come si ricorderà, si erano aperte due falle lo scorso 31 gennaio, una rottura che aveva provocato l'alluvione nella zona sud-est del paese. Subito si era messa in moto la macchina operativa per chiudere la sponda ma la pioggia di questi giorni ha costretto al brusco stop.

"Il cantiere - affermano dal Consorzio - era partito con la prima fase di costruzione della pista per consentire alle ruspe di ricucire l'argine: in questo caso la pista da realizzare è superiore al chilometro. Ma l'ondata improvvisa di pioggia ha costretto operai e mezzi a fermare le opere per concentrarsi sul monitoraggio di tutti i corsi d'acqua e sulla salvaguardia dell'argine appena sistemato a ridosso dell'abitato di Ponsacco. I tecnici a protezione dell'opera hanno anche messo teli di nylon per impermeabilizzare al massimo sabbia e argilla ancora freschi".


Il cantiere riprenderà in queste ore anche a Camugliano per chiudere la seconda falla arginale dell'Era con opere da 160 mila euro. Un intervento urgente è stato necessario sul rio Bonello a Casteldebosco (Montopoli Valdarno) per una falla minore, ma improvvisa che rischiava di creare nuovi allagamenti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ponsacco: il maltempo ferma i lavori sull'argine collassato

PisaToday è in caricamento