rotate-mobile
Martedì, 27 Febbraio 2024
Cronaca Volterra

Stragi di pecore nel Volterrano, allevatori disperati: "Spesso troviamo solo la lana"

Ancora attacchi di lupi nel volterrano: gli allevatori sono esasperati e pensano a ronde e corpi di vigilanza per sorvegliare le greggi, in attesa che le istituzioni intervengano per fronteggiare la situazione in modo capillare

Coldiretti denuncia una situazione disperata nel Volterrano, Pomarance e Castelnuovo dove pecore e agnelli sono le vittime impotenti della caccia continua di lupi che dimezzano le greggi. Ma oltre al bestiame le vittime sono anche gli allevatori che non riescono a fronteggiare il problema: i lupi infatti e purtroppo sono ormai di casa e si muovono in completa libertà.

L'ultimo episodio è avvenuto proprio la scorsa notte ai danni di Bartolomeo Carta, un allevatore molto noto nella zona che è riuscito a scongiurare un attacco, l’ennesimo per la sua azienda. "Così non si può andare avanti - spiega scoraggiato - la notte ci tocca dormire con un occhio aperto perché i lupi sono sempre in agguato. Appena abbassi la guardia sono pronti a colpire. La situazione è diventata insostenibile per chi, come noi, di allevamenti è costretto a vivere. Di questo passo abbandoneremo tutto".

Dei capi azzannati e sbranati gli agricoltori hanno perso ormai il conto. Si parla, solo nel 2012, di almeno 70-80 capi scomparsi dalle greggi: "Spesso trovi un pezzo qua ed un pezzo là - racconta crudelmente Carta lo scenario - a volte trovi solo la lana. Ho scritto a tutti per denunciare questa situazioni, mancano solo Napolitano e Papa Francesco. Le recinzioni non funzionano e poi come si fanno a recintare 10-20 ettari di terreni?". Tra le soluzioni 'fai da te' pensate dagli allevatori ci sono le ronde, ma anche l’istituzione di un corpo di vigilanza notturna. "Il clima - commenta Fabrizio Filippi, presidente provinciale Coldiretti - è esasperato tra gli allevatori e come dargli torto".

"Di questo passo - continua Aniello Ascolese, il direttore provinciale Coldiretti - le poche aziende di allevamento che sono riuscite a resistere in questi anni, in aree marginali e montane, chiuderanno ed in quei territori non rimarrà più nessuno. Inoltre l'intensificarsi degli attacchi dei lupi, ed il conseguente aumento dei decessi di bestiame, costringe gli allevatori a smaltire le carcasse, considerate 'rifiuto speciale', nell'inceneritore a proprie spese. Ogni smaltimento può costare alcune centinaia di euro. Per l'impresa, già vessata da tutta una serie di rincari di costi, il danno da predazione - conclude Ascolese - è doppio. Per questo Coldiretti consiglia agli allevatori di dotarsi dell’apposita assicurazione agevolata, per avere indietro almeno una parte del danno subito".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Stragi di pecore nel Volterrano, allevatori disperati: "Spesso troviamo solo la lana"

PisaToday è in caricamento