Cronaca Centro Storico / Piazza 20 Settembre

Verità e Pace in Siria: lo striscione dei consiglieri comunali pisani

A Palazzo Gambacorti la scritta a caratteri cubitali rimanda agli orrori che la popolazione siriana deve subire: la mozione è stata approvata all'unanimità dal consiglio comunale

Sono più di 9000 le persone che in Siria sono state uccise dall'inizio delle imponenti manifestazioni contro il regime di Bashar al Assad incominciate oltre un anno fa.
Contro tutto questo, ieri mattina, grazie ad una mozione del Consiglio Comunale, su Palazzo Gambacorti, sede del Comune di Pisa, è stato esposto uno striscione con la scritta "Pace e verità per la Siria".
La mozione era stata proposta dai consiglieri comunali Filippo Bedini del PDL e Marco Bani del PD. Mozione poi approvata all'unanimità.

"C'è un'assoluta mancanza di informazioni - ha così commentato il consigliere del PD Marco Bani - su quello che succede in Siria. Telegiornali muti, episodi atroci relegati nelle ultime pagine dei quotidiani, zittiti  anche i social network. Eppure anche lì - conclude Bani - c'è una guerra civile, con un dittatore che non esita a bombardare la popolazione e sparare ai giornalisti per non far trapelare gli orrori perpetrati contro la popolazione".

"Oggi in Siria non assistiamo a una rivoluzione - aggiunge il pidiellino Bedini - ma a un processo di regressione, figlio di una lotta politica interna tra regime e fondamentalisti; a nessuno di questi due antagonisti interessa il bene del popolo siriano. Ecco: con la nostra mozione abbiamo proprio voluto mettere al centro dell'attenzione cittadina il bene del popolo siriano".

"E' una mozione importante - ha infine concluso la presidente del Consiglio Comunale Titina Maccioni - perchè pone l'accento sulla gravissima situazione in cui versa il popolo siriano. E una mozione, per di più, che trasversalmente ha ricevuto il consenso di tutto il Consiglio Comunale".


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verità e Pace in Siria: lo striscione dei consiglieri comunali pisani

PisaToday è in caricamento