Cronaca

Strutture sanitarie e Green Pass: obbligo per i visitatori, non per gli utenti

L'Azienda Usl Toscana nord ovest chiarisce le regole per accedere a ospedali e ambulatori

L’obbligo di certificazione verde (Green Pass) per l’ingresso nelle strutture sanitarie riguarda esclusivamente visitatori e accompagnatori, mentre non si applica all’utente che acceda per qualsiasi prestazione (ricovero, visita, esame ecc). Lo specifica in una nota l'Azienda Usl Toscana nord ovest, che ripercorre la procedura: "Il personale addetto alle postazioni di pre-triage di pronto soccorso e al check-point posizionato all’ingresso delle strutture, ad integrazione dei controlli già in essere (temperatura, igiene delle mani e motivo dell'accesso), è tenuto a richiedere a visitatori e accompagnatori il possesso della Certificazione verde Covid?19 e l’esibizione di un documento di identità che possa accertare l’effettiva titolarità del permesso".

La verifica della certificazione è quindi richiesta solo a visitatori e accompagnatori. Si tratta di una misura che applica le disposizioni nazionali in tema di limitazione della diffusione del contagio da coronavirus a tutela della salute collettiva e in particolare dei malati e dei luoghi sensibili come le strutture sanitarie.

Visita ai ricoverati

Per la visita ai ricoverati il familiare deve essere autorizzato dal direttore o coordinatore della struttura. Ogni paziente ricoverato può ricevere un solo visitatore per ciascun turno di visita durante le consuete fasce orarie di accesso (indicativamente 12.30-13.30 e 18.30-19.30), con accesso di un solo visitatore alla volta per stanza di degenza per non più di 15 minuti secondo le indicazioni della struttura.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strutture sanitarie e Green Pass: obbligo per i visitatori, non per gli utenti

PisaToday è in caricamento