rotate-mobile
Cronaca Centro Storico / Piazza Giuseppe Mazzini

Manganellate al corteo: studentessa si incatena davanti alla Prefettura

La giovane chiede, a nome di tutti gli studenti, un incontro al prefetto D'Alessandro

Si è incatenata all'inferriata della Prefettura di Pisa Camilla, una studentessa presente alla manifestazione pro Palestina di venerdì mattina, poi degenerata con le cariche e le manganellate della Polizia sul corteo di studenti. La ragazza, oggi pomeriggio 26 febbraio, con un gesto dimostrativo ha voluto portare la voce degli studenti colpiti per chiedere un incontro urgente con il prefetto sulle violenze di pochi giorni fa.
Da Cambiare Rotta Pisa, in presidio con Camilla, rendono noto che una delegazione sarà ricevuta dal prefetto D'Alessandro.
 

"Un’azione che sosteniamo con forza, perché finalmente prende parola chi quella violenza ha subito direttamente e che oggi ne chiede ragione. Una violenza orchestrata in sintonia con le Prefetture e le Questure di tutta Italia, per rispondere ad un chiaro input politico: tentare di impaurire le nuove generazioni che stanno rompendo il lunghissimo torpore sociale e politico che ha caratterizzato, negativamente, il nostro paese in Europa - sottolineano dall'Unione Sindacale di Base - dopo il pestaggio del 23 febbraio, Camilla ed giovani di Cambiare Rotta sono corsi a Pontedera, dove USB aveva indetto uno sciopero alla Piaggio al fianco della resistenza palestinese. Sotto l’acqua battente sono stati con noi, a rappresentare una generazione di nuovi resistenti contro la barbarie dell’imperialismo colonialista ma anche contro lo sfruttamento e la precarietà che stanno segnando le loro vite. Chiediamo con forza al prefetto di ricevere Camilla e le istanze che essa gli rappresenterà. Vogliamo, con lei, che il questore di Pisa e i poliziotti impiegati nei pestaggi del 23 febbraio vengano destituiti da ogni incarico. Ma non basta - concludono da Usb - ci batteremo con estrema determinazione per la caduta del governo Meloni, artefice vero di queste politiche ferocemente repressive di ogni istanza sociale, di ogni lotta, pronti a dichiarare sciopero provinciale se queste istanze e richieste non saranno rispettate".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manganellate al corteo: studentessa si incatena davanti alla Prefettura

PisaToday è in caricamento