Sabato, 24 Luglio 2021
Cronaca

Radiazioni in medicina: uno studio Aoup-Cnr fotografa il livello di conoscenza dei pazienti sulle varie procedure

Lo studio è consistito in un questionario informatizzato, che ha coinvolto 2.866 persone intervistate in 9 regioni italiane

Per cercare di fornire alla popolazione informazioni utili sulle radiazioni ionizzanti l’Aoup ha promosso, insieme al Cnr, uno studio multicentrico nazionale denominato RadIoPoGe (Radiazioni ionizzanti e popolazione generale) i cui risultati, pubblicati in un volume, mostrano quanto sia necessario diffondere il più possibile la conoscenza su un tema così importante.
Dai numerosi dati raccolti è emerso infatti che, nonostante il ricorso alla diagnostica radiologica sia sempre più frequente, non vi è tuttavia un’appropriata conoscenza delle caratteristiche delle varie procedure. Poco meno della metà degli intervistati (43%) dimostra di non sapere che la risonanza magnetica è priva di radiazioni ionizzanti; inoltre il 30% e il 46% ritiene erroneamente che la tomografia computerizzata (Tac) e la mammografia, rispettivamente, siano esami radiologici che non espongono il paziente a radiazioni ionizzanti. Circa la metà degli intervistati non è a conoscenza del fatto che i bambini siano soggetti a un maggior rischio di sviluppare patologia radio-indotta quando sottoposti a esami radiologici che utilizzano radiazioni ionizzanti. Quando però viene chiesto di quantificare la percezione di pericolo derivante dal sottoporsi a esami radiologici, oltre il 60% delle persone dichiara di ritenerlo abbastanza o molto pericoloso, e il 44% degli intervistati afferma di non avere conoscenze sufficienti in merito ai rischi delle radiazioni.

Lo studio è consistito in un questionario informatizzato, che ha coinvolto 2.866 persone intervistate in 9 regioni italiane (Veneto, Emilia Romagna, Toscana, Marche, Lazio, Puglia, Calabria, Sardegna e Sicilia) ed è stato coordinato dal professore Davide Caramella e dal dottore Fabio Paolicchi del Dipartimento Diagnostica e immagini dell’Aoup, in collaborazione con i dottori Luca Bastiani del Cnr-Ifc Istituto di Fisiologia clinica e Massimo Martinelli del Cnr-Isti Istituto di scienza e tecnologie dell’informazione.
Alla luce della recente emanazione del Decreto legislativo 31 luglio 2020, n. 101, attuazione della Direttiva 59/2013, che stabilisce le norme fondamentali di sicurezza relative alla protezione contro i pericoli derivanti dall’esposizione alle radiazioni ionizzanti, lo studio dei ricercatori degli istituti di Aoup e Cnr intende offrire un contributo nella direzione di scelte consapevoli da parte dell’utenza.

Per ulteriori informazioni è possibile scaricare il report, in formato pdf, dal sito web del Cnr, sezione Editoria, all’indirizzo che segue:
https://www.cnr.it/sites/default/files/public/media/attivita/editoria/978-88-8080-433-8-Radiazioni_ionizzanti-DEF.pdf

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Radiazioni in medicina: uno studio Aoup-Cnr fotografa il livello di conoscenza dei pazienti sulle varie procedure

PisaToday è in caricamento