Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca Porta a Mare

Sversamenti industriali nel canale dei Navicelli: bonifica bloccata

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PisaToday
In coincidenza con l'arrivo della gigantesca nave che costituirà la piattaforma di rigassificazione al largo delle coste pisane e livornesi, l'Amministrazione comunale ha scritto un comunicato in cui informava i cittadini sul regolare svolgimento della bonifica del canale Incile (il congiungimento tra il canale dei Navicelli e l'Arno), che rappresenta proprio la contropartita per accettare il rigassificatore. A prescindere da cosa si pensi sul rigassificatore e sulla correttezza di uno scambio tra lavori pubblici e sicurezza ambientale e dei cittadini, la bonifica dell'Incile rappresenta un'opera importante per la qualità della nostra città e che i cittadini di porta a Mare aspettavano da molto tempo. 
Allarmati dalle segnalazioni dei cittadini che non vedevano più le cisterne per la bonifica delle acque e dal contemporaneo ennesimo episodio di maleodoranze provenienti dal canale dei Navicelli, ieri (1 Agosto) in Consiglio Comunale abbiamo posto in via ufficiale la domanda alla giunta su quale fosse la reale situazione del canale e della bonifica. Ebbene, la bonifica è stata effettivamente sospesa a causa di uno sversamento di origine sconosciuta nel canale dei Navicelli che ha contaminato anche le acque dell'Incile di cui è in corso la bonifica, palesando per altro un collegamento tra i due canali. Dalla risposta dell'Assessore Serfogli si legge: "è stato osservato, nelle acque dell’Incile, un incremento della concentrazione dei cloruri (passati da 2968 mg/l iniziali, a 13340 mg/l a seguito del fenomeno sopra descritto) e del COD (Domanda Chimica di Ossigeno, passati da 18 mg/l iniziali, a 390 mg/l a seguito del fenomeno sopra descritto)." Questi valori sono tipici dei reflui industriali, non di effluenti domestici.
Questi fatti erano noti prima che uscisse il comunicato dell'Amministrazione che informava del regolare procedere della bonifica, e che quindi riteniamo una grave disinformazione. Chiediamo con forza che si accerti più rapidamente possibile l'origine degli sversamenti, l'entità del danno ambientale provocato, e l'influenza che questo avrà nel procedere dei lavori di bonifica. Pretendiamo inoltre che siano tenuti costantemente informati i cittadini, in particolare quelli del quartiere, sulla natura di tali sversamenti, sulla loro origine, e sul reale stato di avanzamento dei lavori di bonifica.

Marco Ricci - Una città in comune
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sversamenti industriali nel canale dei Navicelli: bonifica bloccata

PisaToday è in caricamento