Continental: a Pisa a rischio 500 posti di lavoro

Probabili tagli al personale sono stati annunciati dall'azienda tedesca per il sito produttivo pisano. La Cgil al fianco dei lavoratori

Cinquecento posti di lavoro a rischio nella sede pisana della Continental nell'ambito di un programma complessivo di riduzione dei costi. La notizia è stata resa nota dalla stessa azienda tedesca che ha fatto il punto sulle strategie aziendale per i prossimi 10 anni. Tra il 2023 e il 2028 lo stabilimento di Pisa, che al momento occupa 940 persone e produce componenti idrauliche per motori a iniezione, sarà interessato da cambiamenti che riguarderanno 500 persone. Per le rimanenti 440 è previsto un trasferimento in aree funzionali simili.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Grande preoccupazione è stata espressa dal segretario generale Cgil Pisa Mario Fuso: "La preoccupazione tra i lavoratori è enorme e l'attenzione della Fiom e della Cgil di Pisa è fortissima. Due stabilimenti nel Pisano (San Piero a Grado e Fauglia, ndr) con un'attività che coinvolge più di mille persone sono un punto fisso nel cuore e nella testa di tutta la Camera del Lavoro di Pisa: quei lavoratori e quelle lavoratrici non rimarranno soli".
"Il nostro impegno sarà pieno nella difesa dei posti di lavoro e del reddito di centinaia di lavoratori, ma soprattutto sarà determinato nell'indirizzare gli investimenti di Continental verso la componentistica per la trazione elettrica, uno scenario futuro obbligato - prosegue Fuso - soprattutto sarà compito del sindacato governare una transizione che dal modello tradizionale dovrà evolvere, necessariamente, a quello elettrico. Le preoccupazioni giuste dei lavoratori devono indurre tutto il territorio ad accettare la grande sfida del cambiamento. Coinvolgeremo le Istituzioni Locali, la Regione e soprattutto le straordinarie competenze universitarie presenti a Pisa. In questa direzione ci aspettiamo una risposta positiva anche da parte dell'Unione Industriali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni comunali a Cascina: è ballottaggio tra Betti e Cosentini

  • Elezioni regionali Toscana 2020, le proiezioni: Giani in vantaggio

  • Incidente stradale davanti allo stadio a Pontedera: muore 30enne

  • Elezioni Regionali, Ceccardi sconfitta anche nella sua Cascina

  • Covid a scuola: due classi di licei pisani in quarantena

  • Coronavirus a scuola, tre studenti positivi: quarantena per compagni di classe e insegnanti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento