rotate-mobile
Cronaca Lari

Maestra morta a scuola: i bambini saranno seguiti da una psicologa

Gli alunni della terza elementare, a cui Tamara Valeriani stava facendo lezione, hanno visto che la maestra si è sentita male: più tardi hanno saputo che non era sopravvissuta. Aveva problemi cardiaci. Il ricordo del sindaco di Lari

Una terribile tragedia ha colpito ieri mattina la scuola elementare di Perignano, nel comune di Lari. Erano circa le 12 quando Tamara Valeriani, una insegnante di soli 34 anni, ha iniziato a sentirsi male in classe. "Si è sentita male, ha chiamato le colleghe ed i bambini sono stati fatti uscire dall'aula prima che morisse" racconta il sindaco di Lari, Mirko Terreni, che ieri mattina si è recato nella scuola teatro del dramma.

La donna, che era sposata, aveva problemi cardiaci. Nell'istituto, ha spiegato il sindaco, lavora anche una psicologa, che sta portando avanti un progetto contro l'insuccesso scolastico. "Nei prossimi giorni - ha aggiunto - il suo lavoro sarà utile anche per far comprendere ed elaborare ai bambini quanto accaduto". Gli alunni che erano in classe, una terza elementare, "hanno visto che la loro maestra si è sentita male - ha spiegato il sindaco - solo più tardi hanno saputo che era morta".

Le insegnanti che hanno fatto un corso di primo soccorso hanno subito cercato di rianimare la maestra: poi sono arrivati i sanitari del 118 e anche l'elicottero Pegaso. "Tamara aveva la passione per la scrittura e per le poesie" ricorda il sindaco. Nel 2009 e nel 2011 ha vinto il Premio della critica al Concorso Nazionale di poesia e narrativa 'Il Golfo'. Pochi mesi fa la maestra aveva presentato una raccolta di 40 sue poesie dal titolo 'Poesia tra realtà ed illusione'.

"Lari è un abitato molto piccolo e ci conosciamo tutti. Tutto il paese è in lutto per la perdita di una nostra giovane concittadina" conclude il sindaco che ha portato le condoglianze alla famiglia della giovane.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maestra morta a scuola: i bambini saranno seguiti da una psicologa

PisaToday è in caricamento