rotate-mobile
Cronaca

Covid, in farmacia è corsa all'ultimo tampone: "Situazione difficile, nessuno vuole rinunciare ad una vita 'normale'"

Alla farmacia Mugnaini oltre 200 tamponi eseguiti giovedì. A ruba anche i test fai da te. E c'è chi non rispetta le regole e in attesa dell'esito del test (poi risultato positivo) va al bar

E' un Natale diverso quello di quest'anno. Se nel 2020 le zone rosse avevano frenato acquisti e cenoni, nel 2021 c'è voglia di normalità, una normalità che, purtroppo, non è ancora possibile visto il rialzo dei contagi da Covid che ha imposto la necessità di nuove misure restrittive, approvate ieri dal Governo.
Ma la voglia di trascorrere le feste con i propri cari è tanta e così, oltre alla corsa all'ultimo acquisto, è scattata nelle ultime ore la corsa all'ultimo tampone che anche nel pisano, come nel resto d'Italia, ha portato i cittadini a mettersi in coda fuori dalle farmacie per sottoporsi al test.
In fila c'è chi ha bisogno del tampone per ottenere il Green Pass perchè non vaccinato, c'è chi vuole effettuarlo per pranzare in tranquillità con i parenti a Natale e chi magari ha qualche sintomo infuenzale e dunque ritiene giustamente doveroso verificare se si tratta di Covid o meno. Il risultato è un grande caos, ore di attesa e qualche animo esasperato che porta a litigi e diverbi sul "c'ero prima io".
In mezzo a tutto questo ci sono i farmacisti che negli ultimi giorni vedono un aumento vertiginoso del carico di lavoro, come conferma il dottor Ugo Mugnaini, titolare della farmacia del Centro Le Querciole.

"Ieri è stata una giornata molto difficile da gestire - afferma Mugnaini - e anche oggi prevedo che non sarà da meno. Giovedì abbiamo eseguito nel nostro punto tamponi circa 230-240 test con due operatori, oggi proseguiremo fino alle 18 senza prenotazione con tre infermieri al lavoro: intorno alle 10 sono già circa una cinquantina le persone in coda". Chi non vuole aspettare sceglie il test  fai da te. "Il 23 dicembre abbiamo venduto oltre mille tamponi fai da te, stamattina ne abbiamo dovuti rimandare oltre 300 alla farmacia del Carrefour perchè li avevano terminati - sottolinea Mugnaini - sarà probabilmente l'effetto delle feste, sembra che nessuno voglia rinunciare alla vita 'normale' ed è positivo il fatto che si cautelino, ma la situazione è davvero complicata. Oltretutto sta circolando anche un virus parainfluenzale che confonde le idee e spinge a tamponarsi. Ci sono molti anziani che non vogliono rinunciare a vedere i nipotini a Natale e quindi preferiscono controllarsi".


Ma c'è anche chi non rispetta le regole e rischia di fare ulteriori 'danni'. "Ieri abbiamo rilevato quattro positivi, uno dei quali invece di attendere il risultato del test nell'area apposita se n'è andato tranquillamente al bar, mentre la moglie di un altro è entrata in farmacia per comprare prodotti decisamente non urgenti - racconta il dottor Mugnaini - ecco questi comportamenti mi fanno arrabbiare perchè rischiano di compromettere gli sforzi di tutti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, in farmacia è corsa all'ultimo tampone: "Situazione difficile, nessuno vuole rinunciare ad una vita 'normale'"

PisaToday è in caricamento