Cronaca Centro Storico / Via Cardinale Maffi Pietro

Passeggiata sulle Mura: cantiere fermo, ma i pannelli per la privacy ci vogliono

Il Tar ha dato ragione ai residenti delle abitazioni lungo il percorso dell'antica cinta muraria, ma nello stesso tempo ha riconosciuto la legittimità della riqualificazione delle Mura da parte del Comune di Pisa

Nessun risarcimento, ma i pannelli sì. Vincono solo in parte i residenti che hanno la loro abitazione in via Cardinale Maffi e via De Simone e che avevano fatto ricorso al Tar per veder riconosciuto il loro diritto alla privacy. Quando lo scorso aprile venne aperto il camminamento lungo le Mura infatti i cittadini si erano lamentati, non solo perchè erano stati assediati dagli occhi indiscreti dei passeggiatori 'ad alta quota', ma anche perchè non tutti i visitatori erano stati educati e civili e avevano gettato nei vari giardini rifiuti di vario tipo.

Il Tar ha così deciso che il Comune dovrà installare dei pannelli protettivi lungo il percorso, anche se i residenti non avranno diritto ad alcun risarcimento. L'amministrazione comunale dunque sorride, anche perchè il Tribunale Amministrativo Regionale ha riconosciuto la legittimità di proseguire con il restauro della cinta muraria, un restauro che però al momento è fermo, visto che il patto di stabilità blocca i soldi e la ditta incaricata alla riqualificazione ha lasciato i lavori, che comunque dovrebbero riprendere già in questo mese, per terminare, si pensa, entro la fine dell'anno.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Passeggiata sulle Mura: cantiere fermo, ma i pannelli per la privacy ci vogliono

PisaToday è in caricamento