Scuola, appello Cgil al sindaco di Pisa: "Un tavolo per decidere la riapertura"

Il sindacato chiede un coordinamento per dare la certezza della ripartenza del servizio e in sicurezza

Molti servizi, seppure sempre limitati per le misure anti-Covid, sono ripartiti, ma non la scuola. E' un punto critico sotto molti aspetti per le sigle Cgil che si occupano del settore, per questo i segretari del sindacato hanno scritto una lettera aperta al sindaco di Pisa affinché "apra in tempi rapidissimi un tavolo con il sindacato dal quale far scaturire un Protocollo per la riapertura in sicurezza di tutte le scuole, in modo da dare certezze alle famiglie, alle lavoratrici ed ai lavoratori del settore, e respiro all’economia della città".

A siglare l'appello sono il Segretario Generale Cgil Pisa Mauro Fuso, il Segretario Generale Fp/Cgil Pisa Leonardo Fagiolini, il Segretario Generale Flc/Cgil Pisa Pasquale Cuomo e la Segretaria Generale Filcams/Cgil Pisa Caterina Ballanti.

"Siamo ad un passo dall’ipotetico inizio dell’anno scolastico - valutano i rappresentanti - ed anche a Pisa ancora non sappiamo quando e come verranno riaperte le scuole di ogni ordine e grado dagli asili nido all’università. Da Maggio c’è stata la riapertura di tutte le attività con l’applicazione dei Protocolli di sicurezza anti-Covid, che, in tempi più o meno rapidi, siamo riusciti a contrattare. Solo per la scuola c’è un ritardo inspiegabile e sempre più insopportabile per le famiglie che da marzo sono senza servizi educativi e con un carico di lavoro di cura che ha condizionato pesantemente la vita e la professione soprattutto delle donne. E ancora molte sono le donne che lavoravano nei servizi educativi, scolastici e universitari che con la chiusura dei servizi, delle mense, degli uffici, sono rimaste a casa senza salario o con assegni pesantemente ridotti".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La Cgil ricorda anche che la "sofferenza dei bambini e dei giovani studenti che hanno perso la possibilità di interagire con i propri coetanei , di avere pari opportunità di accesso alla didattica a distanza, di avere occasioni di scambio culturale, affettivo ed emotivo che in alcuni casi manca nelle famiglie". "Come Cgil - conclude la lettera, prima della richiesta del tavolo - da mesi facciamo pressione per la riapertura in sicurezza e lavoriamo ai tavoli nazionali e regionali per la costruzione di protocolli da applicare per la ripartenza delle scuole. Ad oggi però vediamo solo bozze a livello nazionale e proposte irricevibili a livello regionale e locale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un lockdown "morbido" tra dieci giorni e l'ipotesi coprifuoco alle 21 in tutta Italia

  • Coronavirus in Toscana: più di 1.800 i nuovi casi, 5 decessi a Pisa

  • Coronavirus in Toscana, casi positivi in aumento: superata quota 2mila in 24 ore

  • Cisanello, ambulanze in fila per l'area Covid: "In piena fase emergenziale, serve la collaborazione di tutti"

  • Positivo al Coronavirus fermato sul treno a Pisa: convoglio sanificato

  • Coronavirus in Toscana, 1290 nuovi casi e 8 decessi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PisaToday è in caricamento