Cronaca

Terremoti, Geologi Toscana: "L'80% degli edifici scolastici non è a norma"

Dopo il sisma in Lunigiana, si moltiplicano i commenti degli esperti, che continuano a ripetere come non sia possibile prevedere quando colpirà il prossimo terremoto: gli edifici antisismici possono però salvare la vita

"In Toscana l'80% delle scuole è costruito senza il rispetto delle norme antisismiche". Lo dice in una nota il presidente dell'Ordine dei Geologi della Toscana Maria Teresa Fagioli, dopo che l'argomento terremoto è tornato prepotentemente alla ribalta in seguito alla prima violenta scossa di venerdì scorso in Lunigiana e ad uno sciame sismico che sembra non finire più.

"Allo stato attuale della scienza - spiega Fagioli - non c'é la possibilità di prevedere quando il prossimo terremoto colpirà. Però è altrettanto certo che per evitare vittime dei terremoti l'unica strada praticabile è schedare gli edifici antisismici e quelli no. E in tema di informazione, importante é sapere in quale tipo di edificio si vive, si lavora o si studia".


"Il vero problema - continua - sono gli edifici, anche quelli pubblici, che non rispettano le norme antisismiche. Dai dati del censimento dell'edilizia scolastica del Ministero dell'Università e della Ricerca (2012) risulta che in Toscana su 2.839 edifici scolastici solo 566 sono stati progettati in accordo con le normative antisismiche, gli altri, cioé l'80% del totale, no. A questo riguardo non è certo facile la decisione che devono prendere in queste ore i presidi e le commissioni esaminatrici per la maturità su un eventuale slittamento delle prove".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Terremoti, Geologi Toscana: "L'80% degli edifici scolastici non è a norma"

PisaToday è in caricamento